“Come as you are”, l’ironia e il rock del grunge “buttati” addosso

In passerella torna il grunge. E’ un glamour metropolitano, eclettico e contemporaneo, espressione del mondo che cambia.

Per questa stagione fredda, la moda si ispira ancora all’ultimo, vero “movimento” che ha scardinato la musica, il grunge. Vent’anni fa i Nirvana con il loro stile segnavano la storia; dopo di loro, i Pearl Jam, i Green River, e poi i Mudhoney, i Melvins. E i Soundgarden. Musica delle strade di Seattle direttamente in tutto il mondo.

Grunge significò un nuovo modo di intendere la musica e un nuovo modo di di vestire – “come le vere anime vaganti, Kurt [Cobain] preferiva parka sformati di terza o quarta mano, sneakers consumate, camicie di flanella e jeans

Allora è facile da imitare: basta “buttarsi” addosso maxi felpa, vestitino sbrindellato, camicia o giacca check in flanella, jeans sdruciti, sneakers All Star, sciarponi avvolgenti. Da indossare anche tutto assieme.

Ma avete davanti a voi due scelte: incarnare lo spirito originale del grunge copiandone lo stile, come fa D&G, oppure optare per un nuovo grunge, un grunge contaminato dall’eleganza. Come quello interpretato da un’icona di raffinatezza qual è Karl Lagerfeld che per Chanel disegna tailleurs sformati con giacche e pantaloni molto morbidi realizzati in tweed oppure, pantaloni oversize in tessuto slavato accompagnati da morbide giacche in lana bouclè.

“Come as you are!”

                                      Chanel A/W 2011-12

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – www.vogue.it

MUSICA – come as you are nirvana http://www.youtube.com/watch?v=vabnZ9-ex7o&ob=av2e

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: