L’attimo raccolto (in studio)

IMG_9771

next stop paris. Studio “Donatella Simoni”, ore 17:00

Annunci

The Illustrators

Sono i nuovi eroi della comunicazione contemporanea. La loro arte (visiva) colpisce non solo per  l’immediatezza delle immagini,  ma anche per la bontà del messaggio che arriva agli occhi e al cuore. E il nostro mondo ha tanto bisogno di bontà in questo momento. The Illustrators, save us! Il miglior modo per seguirli? Su Instagram. Ecco i dieci preferiti di T&M.

Malika Favre

4209733184_96dd084453_b_1_900

Justin Teodoro

71

Thomas Danthony

thomas-danthony-3

Fred Birchal

tumblr_n67r0oh0b11qh5ondo2_1280

Jason Brooks

art,fashionillustrations,illustrations-6001d273ec5dea5dd70799da7dc0b756_h

Jordi Labanda

016-jordi-labanda

Jovan Rosario

tumblr_nhtv50B11D1rohbhpo1_500

 

Isher Dhiman

27aee75418a2dc1e7287acc983378b84

Vahram Muratyan

20ameliecarrie1

Alan-Walsh

monaco

Federico Babina

E

Non ne avete abbastanza, vero?

Visitate Picame Mag,  anche su Instagram.

(to be continued)

 

Gli ego-design [parte II]

Il fascino degli oggetti – Sarebbe una follia non sognarli. Li chiamano “obsessions”, sono gli oggetti del desiderio che valorizzano la nostra persona, la nostra dimora, il nostro lifestyle. Nascono come sogni in una wish-list, per poi realizzarsi con i giusti Tempi&Modi nella nostra vita. Sono oggetti con un nome ed un’anima, per questo raccontano una storia. Oltre ogni moda. La selezione di T & M continua con una scelta di oggetti iconici e senza tempo.

GLI  OGGETTI

Décolleté Manolo Blahnik

images

Acquarama Riva modellino di Kiade

400DISTRIBUZIONE_MARE2014225153541

Sella di Zanotta

Taburete_Sella___4d3421f29d816

Robot da cucina di KitchenAid

zoom_kitchenaid_artisan_nickel_brosse_5KSM150PSENK

Valigeria Louis Vuitton

cappelliera-louis-vuitton

Radio Cubo Brionvega

61wZsAajQ8L._SL1200_

 Delfina Delettrez Ring

download (3)

Fornasetti Objects

fornasetti1

(to be continued)

Gli ego-design [parte I]

Chiamateli per nome – Sono creazioni dal carattere così forte e deciso che anelano a spazi vuoti per esaltare la propria essenza. Fiere del loro nome, egocentriche per valore, amano la solitudine per essere ammirate e quindi, adulate. Come in una galleria d’arte. E noi, quanto desidereremo avere nella nostra dimora, una stanza vuota per accoglierne almeno una. La selezione di T & M apre con una scelta di lampade e sedute iconiche e senza tempo.

LE LAMPADE

Pipistrello di Gae Aulenti

XXX_8197_1318253993_1

Arco di Flos

319_BIG_arco_01b

Caboche di Foscarini

 

 

359_CABOCHE_GRANDE_and_MEDIA__suspension

Campari Lights di Ingo Maurer

lightingomaurercampari0000.jpga56cf5a4-4bd6-46af-a842-5b23545bb305Original

LE SEDUTE

Shadowy di Moroso

moroso-shadowy-poltrona

Barcelona di Mies van der Rohe

poltrona_nera_similpelle_barcelona_mies_van_der_rohe_seduta

Lounge Chair & Ottoman di Charles e Ray Eames

lounge_big

Egg Chair di  Arne Jacobsen

1645_photo_1_1327708798

Louis Ghost di Philippe Starck

175067

(to be continued)

L’attimo raccolto (in pieno luglio)

IMG_6557Fa caldo, ognuno si salvi come può! Studio “Donatella Simoni, ore 14:00

Tomato’s Drops

IMG_9872feat. coppa da champagne Baccarat, tavolo Clab4Design by Umberto DattolaBertoia Wire Chair

Come t’interpreto

IMG_8060

“Tavolo da Caffè”

Gae Aulenti, 1980

Tavolino basso per caffè disegnato da Gae Aulenti nel 1980. Materiale: vetro Float molato spessore 15 mm. Struttura: ruote industriali con forcelle in metallo verniciato nero ottico. Misure: 100 x 100 cm H 25 cm . Prodotto selezionato dal MOMA, Museo di Arte Moderna di New York.

*location: salone cinquecentesco Casa Campanelle

L’attimo raccolto (del venerdì)

IMG_5266

Make up your mind! Studio “Donatella Simoni”, ore 12

feat. Seletti and Kartell + pomo dell’Alto Adige

Fur Interiors Trend

IMG_5233 IMG_5235 IMG_5237 IMG_5239feat. Sgabello ricoperto di pelliccia eco e decorazione Maison du Monde

L’attimo raccolto (del sabato pomeriggio)

foto (16)

Escape. Studio “Donatella Simoni”, ore 14:00

Interior wears Marsala

foto foto (4) foto (3) foto (1) foto (2) foto (5) foto (6) foto (7) foto (10) foto (8)E’ l’anno del Marsala, secondo Pantone. Un vino, una storia, un’ispirazione. E gli interni si fanno subito inebriare dall’intensità di questo straordinario colore. Evviva il Marsala!

to be continued

L’attimo raccolto (del rientro)

foto

E via, per mille nuove avventure. Studio Donatella Simoni, ore 8:00

Go!

foto (34)feat. tazzina Villeroy&Boch, caffè Iperespresso Illy, driving glove Sermoneta, chiavi Mercedes

My Busby Puppet in Paris

foto (32) foto (33) foto (34) foto (35) foto (36) foto (37)

My Busby Puppet inspired by Burberry campaign for Printemps Grands Magasins Paris. Feat. “Parigi vs New York” Vahram Muratyan book

A volte ritornano

foto (64)

Riecco dal passato, l’iconico abat-jour in tessuto e passamaneria. Un po’ come fa Flos con la sua Lampada Mini Teca Victorian Grandeur.

IMG_0007_sm

Una lampada da tavolo con luce diffusa della collezione Teca di Ron Gilad per Flos, rivisitazione storica dell’abat-jour che diventa così, un’icona contemporanea.

My #coveringkit

foto (91)

feat. colbacco di volpe Prada, wallpaper e tessuti per rivestimenti Dedar, diary cover Louis Vuitton, packing Hybrid Seletti.

Dove osano le idee

foto (24)

feat. My skull Memorabilia selab + Alessandro Zambelli by Seletti, ring Rouge Passion Pomellato, desk lamp Tolomeo Artemide, table Umberto Dattola for Clab4Design.

Blue Eyes

foto (96)

blue chic for your eyes only

feat. HYPEglass and Brooks England

Wool & Body

foto (94)

Su Wallpaper* di settembre alcune immagini della collezione Unexpected Sculpture di Brigitte Niedermair abbinate ad interpretazioni in maglia dell’artista “architetto del corpo” Lucy McRae.

Wallpaper-Magazine-Editorial-September-2014-C-038115

Ballerina d’acciaio

foto (32) foto (33) foto (34)

Da bambina chiamavo la moka della nonna “la ballerina d’argento”.

Feat. Moka Bialetti, in fotografia la ballerina Eleonora Abbagnato.

Bellezza liquida

feat. Hybrid di Seletti in acqua di torrente trentino

08:45

foto (7)foto (9) foto (10) foto (11)IMG_8648 IMG_8640IMG_8647

Hole Design

foto (5) foto (6)

feat. Componibile Anna Castelli Ferrieri di Kartell, Gommino Tod’s, Anna G. Alessi, cuffie Beats by Dre 

Giovani designer crescono

1234106_10204189136321458_525331645283723424_n

Attenzione, designer in corso!

feat. Lou Lou Ghost e Componibile Anna Castelli Ferrieri di Kartell

*concept ideato per un corso di formazione dedicato a giovani designer

L’attimo raccolto (in studio)

foto (78)

L’angolo demenziale. In ogni studio come in ogni cervello che si rispetti. Studio Donatella Simoni, ore 11

Tire Change

10494736_10203985090260434_5810683560965586932_n

Feat. Driving Gloves Sermoneta, Pigalle 120 Louboutin, Burlesque Candle Fornasetti and Table Umberto Dattola for Clab4Design

#returnedkit

foto (40)

E mò si riparte.

L’attimo raccolto (delle pulizie domestiche)

 

foto (39)

Non smentirsi mai. Casa Campanelle, ore 14

L’attimo raccolto

foto (6)

Cleaning Time #design. Casa Campanelle, ore 11

feat. Bisazza and Clab4Design by Umberto Dattola

#fatalkit

10435984_10203521336826888_6445292182945817483_n

feat. Ninja To originale, body La Perla, fiore di Nerium Oleander, mascherina in raso Acqua di Parma, guanti da kick boxing Leone, spaghetti al nero di seppia Felicetti, guanti in pelle Opera sfoderati, Fornasetti Burlesque Candle, Creme & Crimini ricette deliziose e criminali di Agatha Christie, Macbeth Shakespeare, Blade Casadei, cornetta retro’ per iPhone.

#kitoffice

10470592_10203480717531431_2241933856771427559_n

feat. telefono vintage Antiqua Style, cover iPad in cocco Lucrin, quaderno Pierantoni, moka Bialetti, L’Officiel Italia di giugno, Pigalle Louboutin, occhiali da vista Chanel, smalto Riviera Vernis Dior, matite Faber-Castell, carrè in seta Hermès.

Spaghi design

foto (21)

feat. Spaghetti n. 46 al nero di seppia Felicetti, vaso in vetro Maison du Monde, Eiffel Chair DSW Eames

Banane&Lampone

foto (3)

feat. Frigobar Smeg FAB10HRP, abito in shantung Max&Co, orologio Santos Cartier, smalto Desert Poppy&Sun Bleached Shellac, coppa per gelato in inox Alessi.

My Mag Sofa

Nella stanza relax del mio Studio, una collezione di riviste d’architettura&design costituisce la base per un materasso rivestito di un tessuto rasato celeste: il mio Mag Sofa.
foto (50) foto (51) foto (52) foto (53) foto (54)

Wire & Burlesque

foto (14) foto (15) foto (16) foto (17) foto (18) foto (19)

Burlesque Candle di Fornasetti

feat. plaid in cashmere Somma, Bertoia Wire Chair, orologio Viceversa, Helmut Newton Autobiografia, Cifra 3 Solari.

L’attimo raccolto (del primo pomeriggio)

foto (3)

Sole allo chalet.  Solarium, ore 13.30

In pausa pranzo, relax al sole con il comfort di una Bertoia Wire Chair e per proteggere il capo, carrè in seta Hermès.

La grande spremuta

foto (1)

feat. – spremiagrumi Brandani, Citrus Basket Alessi, strofinaccio Le Jacquard Francais, tavolo e poltrone da giardino Unopiù

L’idea vincente

1975265_10202658091966306_2077807167_n

Tra le 100 idee che scarti ogni giorno, ce n’è sempre 1 vincente

*citrus basket design Alessi, 1952

Oltre le gambe c’è di più

IMG_5023

Il tavolo, per me il cuore di tutto. Dove si mangia, dove si lavora, dove si vive creando. E come dice Umberto Dattola di CLAB4design, dove si prendono le decisioni più importanti.
La scelta di un tavolo segue il gusto e l’armonia dello spazio circostante, ma soprattutto la bellezza. La bellezza di quattro gambe e un piano che ti trasformano lo spazio e la vita.
Per il mio workspace ho scelto I’m a woodworker table, una delle creazioni di CLAB4design, di Umberto Dattola.

foto (7) foto (8) foto (9) foto (10) foto (11)
Un tavolo con gambe in ferro tinte, piano in legno massiccio trattato con olio naturale atossico nella versione 200L x 75H x 85W cm.

Marilyn in the shower

IMG_0907 IMG_0910IMG_0914 IMG_0928 IMG_0929 IMG_0934 IMG_0938 IMG_0939 IMG_0940

designed by Donatella Simoni – made by Michela Bertelli

*Pannello (altezza reale di Marilyn) in mosaico Bisazza Colors 20 – Gloss GL 10 (20×20) + provini foto di Marilyn by Bert Stern + spugna Bellora.

Idee illuminanti

foto (29)

I l   m i o   c e r v e l l o ,   t a l v o l t a.

#ledmania

 

In attesa del nettare

Coppa Champagne

Baccarat, Collezione Harcourt 1841

foto (15) foto (16) foto (17) foto (18) foto (19) foto (20)

L’ispirazione del giorno

foto (76)

0 grassi, 100% design

*coppe e vassoio inox Alessi, mattoncini in legno Sevi

The jaguar issue

1381757_10201591172853995_1436547746_n

Karen Knorr, The Maharaja’s Apartment, Udaipur City Palace, from India Song, 2008-2010

machine

João Maria Gusmão e Pedro Paiva Onça – “Geométrica”

Galleria Zero

vignette-galerie-perrotin

Galerie Perrotin

Giaguaro

Roberto Cavalli Rug

323654_CKODT_8065_001_web_doublehero

Pochette lady buckle in pelle stampata giaguaro

Gucci

Giaguaro in salto Giaguaro Emblema Azienda

Jaguar car

The Encounter Etro

foto (50) foto (51)foto (53) foto (55) foto (56) foto (57) foto (58)

Exotic Traces

Dependance di Casa Campanelle

Maid Art&Fashion

hotel8

hotel1

Ida Nielsen for Elle Ukraine October 2011

1384170_561012513971912_1875129673_n

ELMGREEN & DRAGSET
View of the exhibition “Home is the Place You Left” in 2008,  Kunstmuseum Trondheim (Norway)

1013780_553779431361887_1091495055_n

Bedtime stories

Nigel Barker shoots Nadia Lacka, Liliane Ferrarezi, Jordan & Zac Stenmark for the story ‘Bedtime Stories’ in September Issue of Numero Russia. Styled by Diana Masiello. Make-up by Stoj Bulic and hair by Andrew Fitzsimons.

10060919605_46004fce6a_z

Pink staircases and french maids

Louis Vuitton s/s 2014

louis-vuitton-2013-paula-patrice-maid

with Paula Patrice as maid

The Louis Vuitton f/w campaign 2013/14

IMG_3168-800x533

French maids backstage kv Louis Vuitton Fall 2011 Runway Show Paris Fashion Week-12 vuitton-pfw-2011-hotel-maid

lv-bag-and-maids lv-maids-1 lv-maids-2

Louis Vuitton, 2011

Egg Dream

Arne_Jacobsen_Chairs (1)

THE EGG™

ARNE JACOBSEN 1958

Arne Jacobsen designed the Egg™ for the lobby and reception areas in the Royal Hotel, in Copenhagen. The commission to design every element of the hotel building as well as the furniture was Jacobsen’s grand opportunity to put his theories of integrated design and architecture into practice. The Egg is one of the triumphs of Jacobsen’s total design – a sculptural contrast to the building’s almost exclusively vertical and horizontal surfaces. The Egg sprang from a new technique, which Jacobsen was the first to use; a strong foam inner shell underneath the upholstery. Like a sculptor, Jacobsen strove to find the shell’s perfect shape in clay at home in his own garage. Because of the unique shape, the Egg guarantees a bit of privacy in otherwise public spaces and the Egg – with or without footstool – is ideal for lounge and waiting areas as well as the home. The Egg is available in a wide variety of fabric upholstery as well as leather, always combined with a star shaped base in satin polished aluminium.

Per i miei viaggi sulla Nube di Oort

CONSPIRACY_Scilla_b

SCILLA

Conspiracy

Sandalo-scultura con tacco a forma di piovra in materiale polimerico, dipinto a mano. Il soletto in alluminio aeronautico è lucidato a palladio.

Blue as the sky, the ocean and the pools

hermes-blue-basketball (1)

To commemorate the launch of its Beverly Hills store, Hermès has created two blue basketballs (oh please, that joke is so easy) costing $12,900 each and made in the Paris atelier under the creative direction of Pierre-Alexis Dumas. The idea behind the calfskin curios, which are indeed available to buy and use, is to represent “the sky, the ocean and all the beautiful pools that are a way of life in L.A. and Southern California,” says American CEO Robert Chavez. They also feature the same hand-stitching as the house’s iconic Birkin bag, so you could call it couture sporting equipment.

Cortesi presenze

Non li vedi ma li senti. Sono pezzi in plexiglass e in vetro, preziosi oggetti di design e di arredo, che hanno il potere di suggestionare senza farsi vedere, anzi, sanno valorizzare l’ambiente con la loro “presenza-assenza”. Ne ho incontrato cinque esempi  tra le mura di Castel Stenico, uno dei manieri più affascinati del Trentino. Ve li presento: nell’ordine, scala elicoidale con pioli in vetro Spiro di Trescalini, Bench in plexiglass Santambrogio Milano, lampade a sospensione in vetro soffiato Empatia di Artemide, seduta Louis Ghost di Kartell, bicchiere in cristallo Harcourt 1841 di Baccarat.

trescalini bench santambrogio empatia di artemide ghost Kartell baccarat-bicchiere-harcourt

SOme BEautiful ITems

Un mondo semplice e complesso al tempo stesso, dove le parole autenticità e unicità non sono una bandiera ma il cuore del pensiero che lo genera.
.
B18
 
E’ il mondo di Miniatures di So.Be.It , una collezione moda molto speciale: i capi sono pensati come piccoli involucri capaci di vestire i pensieri di domani. E’ una collezione essenziale, estremamente poetica e assolutamente Made in Italy: i “genitori” sono infatti un piccolo laboratorio artigianale  – che già ha lavorato con Louis Vuitton e Martin Margiela – e un designer sapiente, Marino Orbolato (Adriano Goldschmied, Evisu), la cui versatilità è dimostrata dalla collezione di pezzi unici in vetro ispirati alla natura, 10notforsale.
 
Item1
.

da Facing north with gracia

for me ♥ for you ♥ forever

CLASSIC COLLAR

RCLR003-BLACKBRASS_1_large

The Classic Collar is made with smooth saddlery leather, the minimal style fastens with a buckle on the back and has a D-ring for a lead attachment. Handmade in England.

+

CLASSIC CUFFS – WRIST

RCF003-BLACKBRASS-BACK_large

The Classic Cuffs are made with smooth saddlery leather, the minimal style fastens with a buckle on the back and has a D-ring for trigger hook attachment. Handmade in England.

by FLEET ILYA

E sfogliando Art & Décoration

MC

Bellissimo tavolo da chirurgia degli anni cinquanta, trasformato in scrivania.

Per viaggiare ad occhi aperti

slide1 Peter Bellerby

l’ultimo costruttore di globi terrestri

Emozioni in forme

cenerentola

“Cenerentola”

marmo nero del Belgio, cm 50x40x18

Emanuele Rubini

Legno firmato

portamatite_2

PORTAMATITE
1989
C+E Magnusson
Legno di pero
15×14 cm

by

Pierluigi Ghianda

Food Art Design

image001

Le Cupole

la nuova pasta Felicetti ispirata al Mart di Rovereto (TN)

Una spremuta ad arte

Il valore di un’icona senza tempo, di un vero bestseller, è dato anche dalla sua capacità di reinventarsi. Dopo 170 anni di storia il calice Harcourt di Baccarat ha incontrato una nuova funzione, quella di spremiagrumi grazie a Guillaume Noiseux, giovane studente dell’ECAL. E il mito si rinnova.

5_62-63-tops

Come un commiato

18-colazione-in-giardino

Giuseppe De Nittis
Colazione in giardino, 1883
Olio su tela, cm. 81×117
Barletta, Pinacoteca Giuseppe De Nittis

In questo dipinto, che rappresenta una colazione all’aperto, il pittore ha lasciato la moglie, il figlio e il suo tovagliolo al tavolo e si è alzato per andare a dipingere… il quadro. Un commiato.

Dal 19 gennaio al 26 maggio 2013, Palazzo Zabarella di Padova sarà teatro di un eccezionale evento dedicato a Giuseppe De Nittis (1846-1884).

Le stanze dei bottoni

 

IL BOTTONE, ARTE E MODA

dal 16 dicembre al 7 aprile 2013

Musei Mazzucchelli,  Ciliverghe di Mazzano (Brescia) 

museo_moda

Ai Musei Mazzucchelli una grande mostra sulla storia del bottone, a cura di Franco Jacassi. (Forse la più grande mai concepita al mondo). Perché viene allestita in un ‘Museo della Moda’ in Italia? Non solo perché la moda italiana è leader, ma perché vantiamo in Italia la più importante filiera produttiva in questo settore, dai tessuti agli accessori, alla confezione. Soprattutto per quanto riguarda il bottone l’Italia ha una lunga storia, ma anche una presenza produttiva che tuttora è la più importante al mondo, malgrado la crisi. Non sarà quindi solo una mostra storica o per collezionisti, ma anche una storia del bottonificio italiano legato alla moda.

In mostra sarà esposta la collezione di Franco Jacassi, composta da oltre 10.000 bottoni rappresentativi dei vari stili ed epoche, dal Secolo XVIII fino agli anni Novanta del Novecento. Inoltre pannelli didattici sui principali e svariati materiali con cui sono stati prodotti i bottoni. Infine, per dare una visione complessiva, una storia del bottonificio italiano che mette in risalto il lavoro dei nostri artigiani e dell’industria italiana del bottone.

Il “VetroCenacolo” emozionerà Parigi

Una rappresentazione in vetro dell’Ultima cena che, mantenendo la vivacità di una reale tavola imbandita, ha il potere di trasportare nel passato. E’ “VetroCenacolo”, dal prossimo marzo, in esposizione al Musée Maillol di Parigi.

Il “VetroCenacolo” è una pregevole riproduzione artistica in vetro dell’affresco dell’Ultima Cena che si trova nell’antica chiesa di Santo Stefano a Carisolo TN), realizzata dal maestro soffiatore Silvano Signoretto nella sua fornace di Murano. Un’opera d’arte in vetro soffiato, composta di oltre duecento pezzi tra bottiglie di vino, trote iridee, gamberi di fiume, pani e stoviglie.

Dopo essere stata esposta al Castello del Buonconsiglio di Trento, a Milano e nella Cattedrale di Notre Dame a Strasburgo, nell’estate scorsa  l’opera del Signoretto è tornata “a casa”. Esposta sotto  le maestose pitture tardogotiche, l’affresco da cui trae origine, è riuscita a rendere per quanto possibile, ancora più suggestiva e affascinante l’atmosfera dell’antica chiesa.  

La piccola chiesetta di Santo Stefano di Carisolo è arroccata su uno sperone di roccia del paese della Val Rendena. E’ stata edificata intorno al 1100, ampliata e decorata nei secoli successivi. Affrescata dai pittori itineranti Baschenis tra il 1461 e il 1532. Sulle pareti esterne è dipinta la famosa “Danza Macabra” splendido esempio di tema iconografico tardo medievale. All’interno è affrescata l’Ultima Cena che spicca per l’immediatezza: il tavolo è apparecchiato con grande ricchezza di vasellame, piatti con pesce e abbondanza di pane e vino in “angastare” (particolare forma di antica bottiglia). Molti gamberi rossi di fiume (all’epoca cibo popolare quotidiano) conferiscono al banchetto una nota colorata di particolare bellezza e significato.

Ora “VetroCenacolo” è attesa a Parigi.

L’operazione culturale che porta “VetroCenacolo” in Europa nasce dall’intuizione della dottoressa Rosa Barovier Mentasti di Venezia ed è promossa dalla Fondazione Maria Pernici Antica Vetreria di Carisolo, presieduta da Manuela Bonfioli.

Si ringrazia la Proloco di Carisolo per le immagini.

E’ tutto qui. The Omnia

A Zermatt, nelle Alpi Svizzere, un luogo straordinario invita gli ospiti a dimenticare da dove vengono e dove stanno andando.

Per questo moderno rifugio alpino, l’architetto newyorkese Ali Tayar ha fuso elementi del mountain lodge americano con arredi funzionali, innovativi, di design. Un hotel progettato secondo una filosofia che persegue il “tutto” armonico.

E’ tutto qui. Un mondo tra terra e cielo. Prego, visiti il website The Omnia.

Il segreto dei segreti. I tarocchi Sola Busca

Il gioco dei tarocchi, inizialmente noto come “triumphi” (la parola “tarocchi” pare sia stata introdotta per la prima volta in un documento del 1505), risulta documentato in Italia come gioco dei ceti più elevati a partire dal quinto decennio del XV secolo soprattutto in area ferrarese, dove si conservano molti documenti relativi alla fornitura di mazzi miniati o a stampa per membri della famiglia ducale, dei quali però per il momento non pare essersi conservata traccia.
Nel 2009 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, esercitando il diritto di prelazione, ha comprato il più antico mazzo di tarocchi italiano completo (che è anche il più antico esistente al mondo), noto come mazzo Sola Busca dai nomi dei precedenti possessori (gli eredi Sola Busca), e l’ha destinato alla Pinacoteca di Brera, che già conservava un gruppo di 48 carte, parte di un prezioso mazzo tardo-gotico realizzato per il duca di Milano (mazzo cosiddetto Brambilla).
A Milano, alla Pinacoteca di Brera, da oggi al 17 febbraio 2013 è in programma la mostra Il segreto dei segreti. I tarocchi Sola Busca, una mostra che intende presentare questa importante acquisizione al grande pubblico, indagandone per la prima volta in maniera approfondita il contesto culturale e le possibili fonti, la complessa iconografia, arrivando così anche a precisarne la datazione e a identificare l’artista che lo ha realizzato e l’umanista che ne ha suggerito l’iconografia, aspetti tutti che non sono mai stati in precedenza sviscerati dalla critica.
Questa mostra è la prima parte di un importante ciclo espositivo sui tarocchi che proseguirà nel nuovo anno. Dal 20 febbraio al 7 aprile 2013, infatti, presso la Pinacoteca di Brera sarà allestita la seconda mostra dedicata all’altro prezioso mazzo del XV secolo appartenente alle collezioni del Museo, dal titolo I tarocchi Bembo. Dal cuore del ducato di Milano alle corti padane.
Per approfondire: info

Andare lontano

Oggi, dopo tanto tempo, ho riaperto questo libro d’arte.

Oltre ad un’autodedica, datata 2002

vi ho trovato immagini meravigliose che mi hanno portata lontano. Vi porto con me

in Indonesia, Bali. Sciarpa femminile portata sul petto o sulla spalla (splendang) in broccato di fili di seta e di metallo e ikat.

In Cina, Manchù. Abito femminile informale in seta (pao) con farfalle colorate tessute mediante tecnica ad arazzo, bordi con galloni tessuti e ricamati.

In Tibet. Mantello in raso di seta, tecnica ad arazzo (kesi) con disegni di nuvole e fodera in seta rossa.

In Giappone (Hikoshi-Banten). Giubba da pompiere con diversi strati di cotone trapuntato.

In Turchia. Broccato di seta malva e argento con fili di metallo sovrapposti per bordi lavorati ad ago e bottoni intrecciati.

In India, Kutch. Gonna in raso (gaghra) ricamo in seta a punto catenella con motivi di pavoni e fiori.

In Indonesia, Sumatra, isola Muntok Bangka. Scialle in seta (limar) con trama centrale molto fine rossa e gialla lavorata con tecnica ikat circondata da fili di metallo in decorazione songket.

In Uzbekistan. Broccato di seta cinese e ricami a punto catenella in seta di frutti Nimuri e tulipani.

In Siria. Abito femminile delle zone rurali (thob) con ricami in seta.

E in Iran. Seta rossa e verde con ricami in seta raffiguranti piccoli motivi floreali e animali.

da Costumi e tessuti dell’Asia. Dal Bosforo al Fujiyama. Collezione Zaira e Marcel Mis. Skira, 2001.

Preziose scoperte

Una scoperta che segna l’inizio di una nuova era nella storia dei sepolcri di Abu Sir e Saqqara in Egitto. Durante la stagione di scavo, che ha avuto inizio nel mese di ottobre, è venuta alla luce la tomba di una principessa risalente alla quinta dinastia (circa 2500 aC), ad Abu Sir regione a sud del Cairo.

Gli archeologici dell’Istituto ceco della missione di Egittologia, finanziato dalla Charles University di Praga e diretto da Miroslav Bartas, hanno scoperto l’anticamera della tomba della principessa Shert Nebti, che contiene quattro colonne di calcare con iscrizioni geroglifiche che riportano il nome della principessa e sulle testate, l’iscrizioni “la figlia del re, gli uomini e la sua amante Salbo venerato davanti a Dio onnipotente”.

La squadra di archeologi ha scavato un corridoio a sud-est dell’anticamera, che porta ad altre due tombe risalenti sempre alla quinta dinastia dei Faraoni e appartenenti, secondo le iscrizioni, a funzionari di alto livello tra cui un “grande difensore della legge” e un “ispettore dei servi del palazzo”. Nel corridoio sono stati rinvenuti quattro sarcofagi di pietra calcarea che contengono statuette di un uomo, un uomo accompagnato da suo figlio, e due uomini con una donna.

Preziose scoperte.

(fonte, Phys.org)

Memento

1965. Lampada da tavolo “Pipistrello” per Martinelli Luce by GAE AULENTI

photo by arredamento.it

Passioni recuperate

Sono più di 20 anni che Recuperando raccoglie piastrelle antiche. Tantissimi modelli di piastrelle antiche italiane, come Piastrelle di origine Siciliana provenienti dalle manifatture di Caltagirone, Santo Stefano di Camastra, Burgio, Sciacca e piastrelle di origina Campana provenienti dalle manifatture di Napoli Via Marina, Cerreto, Vietri sul Mare, Cava dei Tirreni, Torre del Greco.

Parallelamente a queste, Recuperando propone anche delle riproduzioni, copie di piastrelle antiche e pannelli a più piastrelle, decine e decine di modelli diversi tra italiani, ispanici, portoghesi e arabi.

Nel singolo dettaglio delle piastrelle antiche, oltre alle misure, prezzo e disponibilità, vengono indicate anche la Qualità e la Manifattura. La maggioranza delle piastrelle ha un marchio impresso sul retro, il biscotto appena formato e posizionato sul piazzale della manifattura veniva marchiato prima della cottura, quando l’argilla era ancora morbida e umida. I marchi antichi sono bellissimi ed è interessante tramite questi risalire alla provenienza e alle varie famiglie napoletane e siciliane che effettuarono la produzione.

Guido Frilli, l’anima di Recuperando, ha lavorato anni per la compilazione e classificazione di questi marchi e ha raccolto tutta la bibliografia antica e moderna reperibile sul mercato. Foto e disegni dei marchi antichi, censiti in più di 30 anni di ricerca, grazie all’aiuto di conoscitori, appassionati, collezionisti, professori universitari e gli eredi delle famiglie produttrici.

Tutto questo, solo per passione.

Art du bijou

Mon jardin secret

Lydia Courteille

« Elle a le génie du bijou” (Karl Lagerfeld)

@savetheglobes

Arte e storia si proiettano nel futuro. In un capolavoro di Vincenzo Maria Coronelli, il mappamondo del XVII secolo conservato alla biblioteca Angelo Mai di Bergamo, verrà inserita una “capsula del tempo” con i tweet più belli destinati a essere letti nel 2400. Un messaggio per il futuro. Per partecipare, scrivere su Twitter entro novembre un messaggio includendo nel testo @savetheglobes. (da Vogue)

Tonight

 The Dutch National Ballet will dance Giselle at the open air culture theatre of the International Festival.

Un intreccio di passione

“Velo da calice in Lampasso”. Francia, 1720. Archivio Rubelli, Venezia.

“I cavalieri dell’Imperatore” sono qui

Al Castello del Buonconsiglio di Trento sono state aperte le prime casse provenienti dall’Arsenale di Graz e dalla Residenz Galerie di Salisburgo con i pezzi per la grande mostra estiva “I cavalieri dell’Imperatore: tornei, battaglie e castelli.”  Un’occasione unica per ammirare pezzi provenienti da importanti armerie europee oltre alla più completa collezione al mondo di armi e armature da combattimento e da parata forgiate a mano da maestri fabbri rinascimentali proveniente dall’Arsenale di Graz. 

Dal 23 giugno al 18 novembre 2012 al maniero trentino si respirerà l’aria dei cavalieri, delle eroiche imprese, dei tornei, dell’amor cortese e delle virtù eroiche. In questi giorni la Loggia del Romanino è stata invasa dalle monumentali casse in legno che custodiscono le preziose armature, alabarde, spade, armi da fuoco, dipinti e stampe, che saranno esposte al Castello del Buonconsiglio e a Castel Beseno nella mostra “I cavalieri dell’imperatore. Duello e guerra nelle armerie rinascimentali”.

L’esposizione sta man mano prendendo vita. Tra i primi pezzi posizionati c’è il celebre dipinto di Rubens che raffigura l’imperatore Carlo V proveniente dalla Residenzgalerie di Salisburgo. La tela sarà esposta nel Magno Palazzo nella Camera delle Udienze dove si troverà a dialogare con gli affreschi che raffigurano lo stesso imperatore Carlo V e il fratello minore Fedinando I immortalato dal genio di Romanino.

Nella stessa sala sarà esposta anche una preziosa quanto rara armatura da cavallo rinascimentale realizzata nel 1510 da Conrad Seusenhofer. Tra le armature più preziose che verranno in mostra vi è quella forgiata nel 1571 per l’arciduca Carlo II, realizzata per un torneo organizzato in occasione del suo matrimonio, oltre ad un’armatura da parata del 1550 forgiata amano dal celebre armaiolo Michael Witz Il Giovane decorata con foglie di vite.

Horse Armour, 1505-10, Landeszeughaus, Konrad Seusenhofer da crushsite.it 
 
Una mostra suggestiva, corredata di filmati e ricostruzioni scenografiche di grande effetto, dove rivivrà l’affascinante mondo degli uomini d’arme che, vestiti d’acciaio, si scontravano in battaglia o esibivano la loro audacia e abilità nei tornei. 
 
Viaggio nel tempo, per sognare.

La locandina

“L’Art d’aimer, de la séduction à la volupté”  è una mostra audace che  si interroga sulla fatalità della passione, sulle dinamiche dell’attrazione, sui percorsi più intimi e inviolabili dell’immaginazione. Una dedica al sentimento universale fatta da  350 opere (dipinti, disegni, foto, spezzoni di film) dei maggiori artisti degli ultimi tre secoli, da Francois Boucher a Pierre et Gilles, da Gustave Coubet a Picasso, da Marc Chagall a Tamara de Lempicka. Otto sezioni per esplorare l’amore dalla mitologia all’arte della galanteria, fino ai più incoffesabili segreti d’alcova. Dal 16 giugno al 23 settembre al Palais Lumière di Evian (Francia).

L’ispirazione del giorno

ROOM IN NEW YORK – Edward Hopper

Il maestro del realismo americano che meglio di ogni altro ha saputo rappresentare la solitudine e il dramma dell’esistenza moderna.

(Dal 12 giugno al 16 settembre, presso il Museo Thyssen-Bornemisza, Palacio de Villahermosa, a  Madrid, viene esposta la più ampia selezione di lavori mai esposta in Europa di Edward Hopper, 70 opere, fra dipinti, disegni, stampe e acquarelli, inclusi 14 prestiti dal lascito della moglie Josephine N. Hopper).

Autonomia speciale

Se El Hierro, l’isola più piccola delle Canarie, si sta attrezzando per diventare completamente autonoma dal punto di vista della produzione di energia elettrica grazie a tecnologie ad emissioni zero, Tenerife non è da meno. Su quest’ultima infatti è già attivo il progetto Casas Bioclimáticas, promosso da Iter (Istituto tecnologico delle energie rinnovabili).

Si tratta di un complesso di 24 ville bioclimatiche in affitto, costruite nel Sud dell’isola, perfettamente inserite nel paesaggio, energeticamente autosufficienti e a emissioni zero. Ogni struttura è dotata di sensori per monitorare i consumi. Costano da 136 euro al giorno.

(Ilaria De Bartolomeis su Ladies)

Fusillo(tto) design

Ergonomia, porzionabilità, contestualizzazione, funzionalità, praticità, sono i parametri che un designer dovrebbe tenere in considerazione prima di progettare. Anche un food designer. Ed è quello che hanno fatto in casa Cosimo Rummo (la pasta scelta dai migliori chef) dove, per raggiungere una cottura perfetta e raccogliere bene il condimento, il pastificio beneventano ha dato vita ad un’ampia superficie elicoidale studiata al millimetro: così il fusillotto ora vanta un rapporto ideale tra superficie e spessore della pasta.

da Raffaella Beltrami su Class

A Venezia il Canaletto mai visto

Apre domani a Palazzo Grimani, a Venezia, la mostra “Canaletto. Il Quaderno veneziano”, dedicata al celebre “Quaderno di schizzi” del pittore, un unicum nella storia dell’arte del ‘700, codice mai visibile al pubblico, ora presentato insieme a 24 disegni appartenenti a collezioni pubbliche e private, anch’essi per la prima volta riuniti.

Il “Quaderno” di Canaletto è un prezioso piccolo volume formato da sette fascicoli, rilegati nell’ ‘800, ma in origine sciolti, ricolmo di schizzi realizzati probabilmente in un breve arco di tempo, poi riutilizzato dal pittore veneziano negli anni. Ogni fascicolo racconta il processo creativo del suo lavoro dalle tipiche annotazioni su colori, materiali e luoghi ritratti, alle corerzioni e abrasioni, ai cambi di inchiostro e di penna.

Da vedere.

da L’Adige, foto da agendavenezia.org

Alta convivialità

The Cube by Electrolux è un parallelepipedo di vetro ad altezza Madonnina (50 metri) che appaga la vista (mozzafiato) su Milano. E’ un temporary restaurant animato, dai Jeunes Restaurateurs d’Europe che sanno come soddisfare il senso del gusto (solo chef stellati). Aperto fino al 26 aprile (prenotazioni sul sito web), ha un unico tavolo per 18 ospiti.

Karma, supercar dal cuore verde

Il progetto è di quelli che nascono da un’idea brillante di un visionario, poi incontrano una fabbrica all’avanguardia della tecnologia e atterrano in una terra fertile d’innovazione. Karma, l’auto gioiello da poco più di 100 mila euro, è prodotta in Svezia e progettata dalla Fisker Automotive, una casa automobilistica americana che rappresenta l’avanguardia della sperimentazione in campo di mobilità ecosostenibile e verrà importata in Italia dalla famiglia Lunelli (Ferrari Spumanti).  

La supercar che la famiglia Lunelli importerà in Italia ha una linea da grande sportiva, di quelle che di solito quando le metti in moto ti fanno vibrare lo sterno coi bassi del motore. La Karma invece ha bisogno di una altoparlante con il suono sintetizzato per far capire a chi sta intorno che il bolide è pronto a partire. E quando parte lo senti: il sedile ti abbraccia stretto, e il poggiatesta diventa tutt’uno con la nuca.  Un bolide fuori, fatto di curve sinuose e prese d’aria in puro stile supersport, dentro ti accoglie con rivestimenti extra lusso e tecnologia, ma quello che più conta e proprio quello che non si vede. Il cuore pulsante della supercar è composto da due motori elettrici sull’asse posteriore, e un pacco da 200Kw di batterie che si ricaricano: col tetto solare, con il recupero di energia in frenata, attraverso la connessione alla rete elettrica e con il supporto di un motore a scoppio sotto il cofano anteriore. I pistoni però non fanno mai muovere le ruote, servono solo a dare energia a un generatore di corrente. Quasi quattrocento cavalli, niente male per un’auto elettrica.

L’innovazione nella nostra regione è di casa, assicura Marcello Lunelli: «Abbiamo deciso di investire in questo progetto perché crediamo che rappresenti il futuro della mobilità, e come siamo stati in passato precursori nei pannelli solari, nella cultura biologica, e in tanti settori, lo saremo anche nell’automobile ». «È un nuovo concetto di automobile ibrida – spiega Riccardo Sampaoles, il responsabile operativo della Fisker Italia che ha la sede a Lagundo – il limite dimostrato finora da tutti i modelli della altre case era l’autonomia ridotta, con questa nuova concezione del motore invece si riescono a percorrere fino a 480 km».

ds ispirata da Riccardo Valletti su Trentino, foto da car-oto.blogspot.com

Dove far giocare i sensi

Un’area verde e un punto di incontro, un giardino che la gente può sentire come privato e pubblico allo stesso tempo. Non un luogo contemplativo, ma relazionale, un salotto collettivo. Si chiama Sensational Park, il luogo dove far giocare i cinque sensi, realizzato dallo studio Nabito Atchitects, con base a Barcellona, in una zona popolare affacciata su una grande arteria di traffico a Frosinone.

Il percorso nel verde è disegnato per essere una continua scoperta. Coni di un metro di altezza sono disseminati lungo il sentiero di resina bianca e diventano aree di sosta sensoriali per stimolare i sensi: dal gusto di mele e pere che in estate nascono sugli alberi da frutto, al profumo delle erbe aromatiche come salvia, rosmarino e lavanda, fino all’udito, coinvolto nei giochi scientifico-didattici, e al tatto, stimolato dai tappeti erbosi e dai giochi di gomma ruvida.

Diventa quasi istintivo, togliersi le scarpe per camminare a piedi nudi, per impossessarsi dello spazio e farlo proprio. Da… sentire.

TESTO – ds ispirata da Erica Baldi su D (la Repubblica)

FOTOGRAFIE – nell’ordine, afasiaarq.blogspot.com, mimoa.eu

MUSICA – sensazioni forti vasco rossi http://www.youtube.com/watch?v=CudJWEU7cp0

Ascolta il tuo cuore, città

La governance delle strategie urbane, ovvero l’abilità di alcune città di pensare in modo strategico ed elaborare piani di sviluppo autonomi, capaci a loro volta di influenzare le politiche nazionali, si fonda sul rapporto con i cittadini.

Il piano strategico urbano cerca di rispondere alla domanda di una città: che cosa voglio fare da grande? Nell’ultimo decennio, Londra, Barcellona, Bilbao, Liverpool e Monaco di Baviera hanno avviato un percorso importante. In Italia, ci provano Genova, Milano, Parma.

Parma – Auditorium Niccolò Paganini

Paolo Verri, già direttore di Torino Internazionale, l’associazione che sviluppò nel 2000 il primo piano strategico per guidare l’ex capitale industriale del nord ovest nel decennio delle Olimpiadi, spiega: “La pianificazione urbana strategica è nata alla fine del secolo scorso a causa della necessità di far fronte ai grandi processi di deindustrializzazione. Quella fase è passata ma i piani strategici sono rimasti uno strumento essenziale per identificare un percorso condiviso di sviluppo urbano e attuare politiche di coesione sociale”

Ursula Hitz – Mapping London

Gli esempi di Londra e Singapore. Il “London Plan” recentemente aggiornato e stimolato dai Giochi Olimpici di quest’anno, costituisce un modello positivo per la crescita sostenibile della più vecchia megacity del mondo: propone un futuro urbano fondato su una città compatta, integrata e superconnessa (sia spazialmente che virtualmente). Un altro modello è quello di Singapore dove la redazione di diversi piani startegici ha trasformato una piccola città-Stato in uno dei principali centri intrenazionali della knowledge economy: in base a una vision condivisa sono stati coordinati gli investimenti nella ricerca biomedica, nelle nuove università e nello sviluppo di centri di ricerca, tutti ingredienti del successo dell’isola negli ultimi anni.

Farrer Court, Singapore Masterplan 2007

Tuttavia i piani strategici possono essere sviluppati con successo anche in città di media taglia, come dimostrano gli esempi recenti di Genova, Parma, Monaco e Mons, la città belga di circa 100mila abitanti che è riuscita a strappare la nomina a capitale europea della cultura del 2015 con il suo documento startegico. Piani di questo tipo ispireranno molte cittadine del nostro paese che spesso faticano a trovare la propria direzione, come ad esempio Asti, il cui potenziale, peraltro notevole, spesso non riesce ad emergere proprio a causa della mancanza di un pensiero strategico.

Piazza Alfieri – Asti

Si tratta comunque di una nuova generazione di piani urbani che in comune hanno un approccio che combina la dimensione spaziale con considerazioni di carattere sociale, economico, politico e tecnico, prendendo atto dei profondi mutamenti caratteristici del XXI secolo e dell’avvento dell’era dell’informazione. Insieme ad altri strumenti come il piano economico, il progetto di governance e quindi, piani regolatori, masterplan o altri strumenti urbanistici attuativi, il piano strategico permette di coordinare tutti quegli interventi che costituiscono la fitta maglia dell’agire cittadino, spingendolo in una direzione comune e possibilmente condivisa.

Sembra che dal punto di vista economico questo sia un ragionamento più che fattibile, la sfida invece, la vera frontiera della pianificazione strategica odierna, è la definizione di nuovi sistemi di governance cittadina e la creazione di ponti tra gli abitanti e i vari livelli del governo locale e nazionale. La pianificazione strategica può allora essere il veicolo per fare emergere le idee dei cittadini e far sì che convergano verso un obiettivo condiviso. Un punto di incontro tra governo dal basso e dall’alto, che sta trovando un orecchio attento nei governi più interessati all’innovazione.

 da Carlo Ratti e Ricky Burdett (Domenica, Il Sole 24 Ore)

Miracoli dell’arte

Il miracolo dell’arte è anche questo, farsi specchio in cui riflettersi, espressione con cui interpretarsi, ispirazione per rinnovarsi. Se poi ci troviamo un pezzo di noi stessi e della nostra storia, siamo noi ad avere il potere di dare vita all’arte, di portarne a termine la sua missione, di renderla in qualche modo eterna.

Ad una mostra d’arte, una giovane donna si ferma davanti all’opera “Donne germoglio”, tronchi di legno morto sui quali sono state realizzate in ceramica raku, delle teste femminili, visi anneriti dal fuoco, capelli modellati come germogli e lo smalto, che ne esalta la nuova vita ma che al contempo, richiama lacrime e cicatrici di un passato.

Da una ferita, da una fenditura di quel legno secco, si è riaccesa la speranza che ha prodotto nuovi germogli, per ricominciare a vivere nella consapevolezza che è proprio la sofferenza che dona il coraggio di rinascere giorno dopo giorno.

Le  teste di donna sono state create da una massa informe di argilla trasformata con velocità e maestria dalle mani di un artista. In quel momento, l’opera è ancora nella mente del suo creatore che deve necessariamente fare i conti con la casualità, affidando la sua creazione alla temperatura di fuoco di 900° e abbandonandosi completamente alla speranza di vedere realizzata la sua idea. Poi il momento dell’estrazione dal fuoco, difficile, delicato, doloroso, come un parto. Le teste di donna vengono riposte in una grande vasca e ricoperte con della segatura e del fogliame secco, dove, a causa della loro incandescenza, prendono fuoco. Un istante dal significato profondo per l’opera e per l’artista, perché è in quel momento vengono lasciati su entrambi, segni indelebili. Segni che avranno il potere poi, di comunicare e rievocare forti sentimenti.

E’ ciò che è successo alla giovane donna davanti all’opera. Lo straordinario potere comunicativo dell’arte fa sì che, tra quell’opera e la sua osservatrice, nasca una profonda comunione. La sua genesi si fonde con l’esperienza di vita della donna, segnata da passaggi dolorosi e carichi di sofferenza che ne hanno plasmato i tratti dell’anima oltre che quelli del viso.

La giovane donna esce dalla sala. Nella sua mente le teste bruciate dal fuoco e quel nero, il dolore, sono illuminate dallo spettacolo cromatico degli smalti che, pur enfatizzandone i tratti, le hanno ispirato quella gioia per un’esistenza rinnovata, per una vita nuova.

Gabriella Bais interpreta l’artista, Donatella Simoni la giovane donna alla mostra d’arte.

TESTI – ds ispirata da se stessa in “Memorie di fuoco” (Servizio Attività Culturali della Provincia autonoma di Trento)

FOTOGRAFIE – Gabriella Bais

MUSICA – born to die lana del rey http://www.youtube.com/watch?v=Bag1gUxuU0g&ob=av2e

Design per le mie orecchie

 “L’ho pensato maestoso come una balena, ma anche soffice e scorrevole come un movimento nel ghiaccio”.

Con queste parole il designer polacco Robert Majkut, 41 anni, racconta la sua creazione.

E’ un capolavoro di design, per gli occhi e per le orecchie. Si chiama Whaletone e nella linea si ispira, come dice il nome, alle maestose balene.

Una nuova forma per il classico pianoforte a coda, un capolavoro di modernità disponibile anche in colori più dinamici come l’arancio e il fucsia.

Realizzazione e prezzo solo su richiesta. www.whaletone.com e per approfondire Sentio

La sostenibile leggerezza del living

Stravolgere il paradigma, ecco l’essenza della vera creatività. E’ quello che Santambrogiomilano, un’importante realtà imprenditoriale che realizza progetti in vetro dal carattere esclusivo, ha pensato di fare con il concetto “chiudersi fra quattro mura”, dimostrando ancora una volta che progettare significa ricercare con passione perché, come recita l’antico detto, “colui che cerca, trova”… l’invisisbile.

L’obiettivo è trasparente come il vetro: eliminare di fatto tutto ciò che può distrarre lo sguardo dalla contemplazione a partire dalla natura che ci circonda, alle forme pure di oggetti d’arredamento. Nascono così la Glass House e la collezione Simplicity.

Simplicity nasce dalla collaborazione di Carlo Santambrogio col designer Ennio Arosio che dà forma “trasparente” ad un modo netto ed essenziale di concepire e vivere gli spazi, dove gli elementi seppur fortemente caratterizzanti non sovrastano l’ambiente che li circonda ma entrano in perfetta simbiosi con esso.

Assemblando giunti e piani di vetro, le superfici si de-materializzano grazie a piani trasparenti sospesi e travi in vetro. Un esempio di particolare effetto lo troviamo nella scala con i suoi elementi strutturali in vetro totale che, priva di qualsiasi profilo in acciaio, risalta per la sua assoluta trasparenza e leggerezza.

Le realizzazioni Simplicity sono in vetro extra-chiaro Saint Gobain, temperato e stratificato, denominato Diamant per le sue caratteristiche di estrema purezza e lucentezza, interpretato in maniera unica attraverso l’impiego di spessori molto importanti (30 mm) e trattato con particolari procedimenti tecnici volti a garantirne l’assoluta sicurezza.

Particolarmente ineterssante è il momento in cui il vetro, da componente strutturale dello spazio, con la sua purezza e perfezione, crea un interessante contrasto con un altro materiale – ad esempio il legno e le sue materiche venature – ammorbidendo in questo modo, l’austerità e il minimalismo dell’assoluta trasparenza.

Incontri e contaminazioni d’arte, ovvero, l’armonia del “Bello”

Nella splendida cornice di un antico mulino in Valle di Ledro, in Trentino, Luca Degara, artista e designer trentasettenne, ha scelto di mettere le radici della sua arte e di farne il suo atelier/schowroom dove lavorare legno, vetro, acciaio, ceramica, oro e carbonio. Una singolare alchimia di artigianato, design e filosofia, il cui esito sono oggetti di arredo che si trasformano in opere d’arte.

In questi giorni, Luca Degara espone con la sua personale dal titolo “Arte & Design” alla Galleria Civica “Giuseppe Craffonara” di Riva del Garda, una mostra stimolante soprattutto dal punto di vista delle aperture trasversali alle arti e della contaminazione dei generi.

Durante il suo percorso artistico, il giovane artista ha perfezionato una peculiare forma d’arte che si caratterizza per gli accostamenti armonici tra elementi naturali e prodotti più raffinati del lavoro dell’uomo. «Solo amando e dosando i materiali – dice Luca Degara – giungo allo scopo del mio lavoro: la proporzione al di fuori del tempo e dei preconcetti; l’armonia fra gli opposti, siano essi forme, pesi o ideali».

Un’attività di sperimentazione che esprime un messaggio in cui l’unione di passato e futuro, tradizione ed innovazione, natura e tecnologia non sono più realtà inconciliabili, anzi si esaltano a vicenda: «Utilizzo e unisco materiali diversi e dalle caratteristiche uniche – dice Degara – come acciaio e cristallo, preziosi come l’oro o innovativi come la fibra di carbonio».

Luca Degara, da sempre sapiente lavoratore del legno, ha saputo,  in questi ultimi anni, proiettare le proprie opere in una dimensione  “ambientale”. Il legno, la materia sempre viva, che trattiene in sé la storia  del mondo, incontra la perfezione fredda e asettica dell’acciaio.

E’ così che nasce il design di Degara, oggetti come tavoli scultura, installazioni luminose, comunque sculture vive nella forma e nell’anima, esposte in giro per il mondo ed oggi anche nella sua terra natale.

La mostra di Degara si è rivelata altresì ispiratrice di una riflessione sullo stato attuale dell’arte, concretizzatasi in un incontro pubblico tenuto da Fiorenzo Degasperi, scrittore e giornalista trentino, già direttore della Civica di Trento, ad oggi il più capace curatore e critico della realtà storico-artistica della regione. “Le esperienze di contaminazioni tra le arti e la ricchezza di alcune sperimentazioni con lo spirito  rivolto al rinnovamento della società e dell’uomo, sono state determinanti nella storia dell’arte. Oggi però, essa deve fare i conti con una forte cecità derivata dal narcisismo, dall’egoismo, dall’individualismo, elementi questi che  impediscono ogni confronto, parametro, giudizio. Fattori che scartano  volutamente i valori e i simboli” afferma Degasperi. “E’ un’arte, quella odierna, che viene quindi relegata nella mente singola e solitaria dell’artista, che respira l’aria dello studio o al più di una parete di una galleria d’arte, ma che ha perso  i legami con la terra e il cielo, con l’individuo e la socialità. Soprattutto, sembra che abbia dimenticato la sua vocazione alla ricerca. Ma tra le pieghe contemporanee” continua il critico, “si affacciano artisti che con lo  sguardo sanno andare al di là, sbirciare lateralmente, impossessarsi di altri territori  estetici, ingoiare vogliosi gli stimoli che provengono da rami culturali apparentemente lontani. Uno di questi è Luca Degara”

Luca Degara “Arte & Design” Sala Civica “G.Craffonara” Giardini di Porta Orientale – Riva del Garda orario: 10.00 – 12.30 14.00 – 18.00 lunedì chiuso. Fino all’11 marzo.

 

Con il sole, sbocciano i primi floral trends

E’ il momento del giardino-orto e di quello delle erbe spontanee.

In Val d’Orcia, i casali della designer Ilaria Miani hanno aiuole di cavolo nero, la verdura più di moda che ci sia.

A New York, la passeggiata più spettacolare è quella lungo la vecchia High Line, un giardino selvatico dove un tempo passavano i treni.

La bibbia delle erbe spontanee è Flora ferroviaria di Ernesto Schick, che cataloga con descrizioni e splendidi disegni i fiori che crescono lungo i binari del Canton Ticino.

Quindi, in definitiva, per il nostro open green della prossima primavera-estate non possono mancare il cavolo nero e come fil rouge, la ferrovia.

Un’idea? Gestire una pendenza realizzando dei gradini con vecchie travi di binario. Come al Parterre du relax di tempi&modi.

ds ispirata da Style

Vetro d’arte, effusione d’amore

Vi è un passaggio stupendo nella lavorazione del vetro, è quando i bordi di un vaso, resi malleabili dal fuoco, vengono tirati con le pinze per plasmarlo e quindi, nel toglierlo dalla bocca della fornace, esso si apre come un fiore che sboccia. Un cuore di ghiaccio che si trasforma in qualcosa che emana calore, regala emozione, un oggetto d’arte.

La bocca della fornace rappresenta la vita, dalla quale il vetro entra per essere lavorato e ne esce con la vita in corpo. Il potere del fuoco e del calore è quello di trasformare in realtà agli occhi dell’artista, quello che lui stesso ha tentato di realizzare prima nella sua mente. E’ intriso di magia l’attimo in cui un oggetto nasce dalla fornace. Quello che fino a poco prima, altro non era che un corpo informe rosso incandescente, si trasforma in un’opera unica, dalle forme sensualmente modellate, dai colori sorprendenti quanto inimmaginabili, dal cuore pulsante di vita.

Solo ora potete capire ciò che state per vedere.

Queste sono alcune delle meravigliose creazioni di Loretta Hui-shan Yang (1952),  l’artista del vetro cinese più influente di questo nostro tempo. Attrice di spicco del cinema contemporaneo taiwanese, nel 1987, al culmine della sua carriera, lasciò la recitazione e sì dedicò all’arte della lavorazione del vetro. Yang utilizza le sue innate doti artistiche e la sua passione per la ricerca e l’esplorazione, per creare opere scultoree in vetro imbevute di tradizioni cinesi e di profonda filosofia umana. 

Senti che gusto!

C’è un modo nuovo per sentire il gusto. Ascoltarlo.

E’ ciò che insegna a fare Foodfrequency un progetto innovativo frutto di una collaborazione tra professionisti altamente specializzati, tra cui Sara Lenzi, la sound designer che abbiamo incontrato qualche giorno fa, nel salotto di tempi&modi.

Foodfrequency significa innanzitutto, sintonizzarsi sul potere dei sensi, stimolando un utilizzo più consapevole della dimensione percettiva. E’ quindi, un invito a riflettere su cibo, cultura e territorio, quando si dice: “Bisogna comunicare emozioni”: un nuovo modo di fare marketing territoriale.

Un’esperienza immersiva ed intima, modulabile su tutte le culture culinarie senza confini linguistici, applicabile ai più diversi contesti e personalizzabile per molteplici obiettivi, in grado di essere vissuta ed apprezzata ad ogni età.

Siete tentati di provare? Questa è una prima ricetta per la degustare le “pietre preziose” trentine, ovvero i piccoli frutti: crumble di frutti di bosco di Sant’Orsola preparato e degustato immaginando una passeggiata nei boschi alpini innevati di gennaio. “Servire tiepida, mettere le cuffie e premere play”.

Cose dell’altro mondo.

Sara Lenzi, la designer del suono

“Il suono è potente: elaborato più velocemente dell’immagine, plasma (senza che ce ne accorgiamo) la nostra relazione cognitiva, percettiva ed emotiva con gli spazi e gli oggetti che popolano il nostro mondo. Il Sonic Interaction Design è una disciplina innovativa che, attraverso il suono, trasforma la nostra relazione con gli spazi e gli oggetti d’uso quotidiano. Il mio lavoro è creare identità sonore memorizzabili, efficaci ed evocative, per reinventare il rapporto con gli oggetti, i servizi e i media” – Sara Lenzi, sound designer

Oggi tempi&modi incontra Sara Lenzi, giovane trentina che vive a Bologna. Sassofonista e compositrice elettroacustica, ha anche una laurea in Filosofia. Insegna Installazioni sonore e Composizione multimediale al Conservatorio di Rovigo. Nel 2008 ha fondato Lorelei, agenzia di comunicazione sonora che applica la musica al marketing, all’advertising, al design. Con Gianpaolo D’Amico ha creato il blog sounDesign, riferimento italiano nel panorama della progettazione sonora.

1) Sara, arredare con la musica, progettare il suono: è corretto dire che, con l’immagine, il suono è l'”elemento” marketing per eccellenza?

Nel tempo, facendo questo lavoro, ho capito che benché per me il suono fosse il senso – o il sentire – più importante, esso non ci arriva mai da solo: noi sentiamo mentre vediamo, o mentre tocchiamo, o mentre odoriamo. Nel marketing è la stessa cosa, soprattutto se ci rifacciamo alla cornice del marketing sensoriale, o di quello esperienziale/emozionale. In breve: per i princìpi che legano la nostra percezione, un suono ben progettato amplifica e potenzia esponenzialmente il piacere della nostra esperienza di un prodotto, di un marchio o di uno spazio, legandosi alle altre esperienze   – l’immagine in primo luogo. Allo stesso modo però, e questo si sottovaluta ancora molto spesso, un suono mal progettato “distrugge” altrettanto esponenzialmente la nostra esperienza, annullando qualsiasi immagine di marchio o design di prodotto, per quanto ben progettati. Mi fermo qui, potrei parlare ore di questo argomento!

2) Per fare il sound designer serve un “orecchio” particolare o il senso dell’udito può essere sviluppato?

Il senso dell’udito si sviluppa: così come non si è mai “stonati” senza speranza ma chiunque può apprendere ad essere intonato, ci vuole un pizzico di pazienza, quello sì. Perché il piacere massimo del suono è dato dal saperne ascoltare i movimenti minimi, quelli vicinissimi al silenzio. E per riuscire a sentirli, in una società molto rumorosa come la nostra, bisogna sviluppare qualche abilità.

Continua a leggere

Mart delle meraviglie

Alice è una bambina che cade nella tana di un coniglio e si ritrova in un mondo completamente diverso dal suo. Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, scritto da Lewis Caroll nel 1865, rappresenta  ancora oggi  una delle fiabe più affascinanti ed intriganti da interpretare. E solo apparentemente dedicata ai bambini.

Così, ad adulti sensibili è dedicata la mostra Alice in Wonderland, organizzata dal 25 febbraio al 3 giugno al Mart di Rovereto, in collaborazione con la Tate Liverpool, a cura di Christoph Benjamin Schulz e Gavin Delahunty, con l’assistenza di Eleanor Clayton.

Un percorso espositivo avvincente nel quale avviene l’incontro tra il racconto di Carroll e l’arte. Si parte dalla prima edizione di Alice illustrata da Sir John Tenniel, pubblicata nel 1865 a Londra da MacMillan, passando dai surrealisti e arrivando all’epoca contemporanea. (Prego, continui a leggere sotto)

Continua a leggere

Rethinking a landscape

Cambiarsi e rinnovarsi, ma all’insegna del riciclo, donando vita nuova a strutture inutilizzate. Una tendenza architettonica attuale che investe energie non solo all’avanguardia, ma deve prestare attenzione anche all’ambiente, in una maniera così precisa da sfiorare l’approccio più puramente ecologico.

Una necessità del XXI secolo, quando gli spazi liberi si riducono e il problema ambientale si fa sempre più persistente. Senza contare la difficile congiuntura economica che in qualche modo invita a scegliere la strada del creare.

E creare significa anche riciclare, riadattare gli spazi già esistenti. Da otto anni ad esempio, sono iniziati i lavori di realizzazione del parco di Fresh Kills a New York, costruito sopra la maxi-discarica omonima, tanto maxi da superare in altzza la Statua della Libertà e destinato a diventare l’area verde più vasta della città, 890 ettari di terreno.

Presso il Maxxi di Roma è aperta una mostra fino ad aprile intitolata “Re-cycle” che raccoglie più di 80 opere tra disegni, modelli, progetti che illustrano quella che è ed è stata l’arte del riciclo nella storia. Uno degli scopi di questa mostra è anche prendere una posizione sulle tecniche e sulle modalità di recupero dei nostri paesaggi e delle nostre città alla luce della scarsa efficienza di piani, programmi ed altri approcci tradizionali.

Una presa di posizione necessaria e attenta che si basa su sorprendenti innovazioni, sempre più stimolate dal necessario rispetto ambientale.

Una Bella ispirazione per Trento e la sua Ex-Italcementi.

Sopra, il prima e il dopo delle Gemini Residences Frosilos a Copenaghen e il recupero della discarica Vall d’En Joan fuori Barcellona. Sotto, l’area ex Italcementi nel quartiere di Piedicastello a Trento.

 

TESTO – ds ispirata da Matteo Zampollo MFL

FOTOGRAFIE – adigetto.it e MFL

MUSICA – temptation new order http://www.youtube.com/watch?v=ybIaIV9JyHA&feature=fvwrel