L’ispirazione del giorno

foto (27)

“Le cose fatte con (l’)Amore non possono e non potranno mai essere messe in discussione”

*Visceral Tees Barakus, jeans Diesel, bottes L’Autre Chose

Annunci

SOme BEautiful ITems

Un mondo semplice e complesso al tempo stesso, dove le parole autenticità e unicità non sono una bandiera ma il cuore del pensiero che lo genera.
.
B18
 
E’ il mondo di Miniatures di So.Be.It , una collezione moda molto speciale: i capi sono pensati come piccoli involucri capaci di vestire i pensieri di domani. E’ una collezione essenziale, estremamente poetica e assolutamente Made in Italy: i “genitori” sono infatti un piccolo laboratorio artigianale  – che già ha lavorato con Louis Vuitton e Martin Margiela – e un designer sapiente, Marino Orbolato (Adriano Goldschmied, Evisu), la cui versatilità è dimostrata dalla collezione di pezzi unici in vetro ispirati alla natura, 10notforsale.
 
Item1
.

da Facing north with gracia

“Podium” per Tod’s

La tradizione del Made in Italy nella scelta e nella lavorazione della pelle, che Tod’s ha nel suo DNA sin dagli inizi, per il prossimo Autunno – Inverno incontra trattamenti e soluzioni speciali, adatti all’uomo contemporaneo e al suo stile cosmopolita e attento.

Il nuovo Progetto “Podium” ha uno stile formale ispirato all’eccellenza della calzoleria e del gusto italiano, reinterpretato e arricchito da dettagli inediti: ferma-lacci e battistrada in gomma tipici delle scarpe tecniche, uniti a lavorazioni e materiali pregiati.

LUX_1483

Tod's AW 13-14

La linea di borse Double Stripe, caratterizzata dall’inserto di una doppia striscia in pelle, si arricchisce di due nuovi modelli: la shopping con zip e il borsone da viaggio. I materiali utilizzati sono lavorati manualmente con tecniche ad hoc: ogni borsa diventa così un pezzo unico, intriso di artigianalità e selleria.

LUX_1558

Tod's Double Stripe Bag AW13-14

Tod’s Collezione Donna primavera/estate 2013

La collezione Tod’s Donna per la primavera/estate 2013 rappresenta il perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione, tra artigianato e design moderno. L’abilità di lavorare con pellami di altissima qualità per creare prodotti dal fascino e dall’eleganza senza tempo, ma anche esaltare la creatività: questo è il cuore stesso di Tod’s e rappresenta il DNA del marchio in tutta la collezione. Colorata e ricca di dettagli raffinati, la primavera/estate di Tod’s vede il ritorno dei prodotti iconici, insieme all’introduzione di interessanti nuovi stili.

Scopriamoli in anteprima.

LE CALZATURE

La ballerina è il modello chiave della stagione, ora immaginato con un plateau. Il look è elegante e femminile, ma allo stesso tempo casual, urbano e contemporaneo. Vi è una selezione di modelli caratterizzati dall’utilizzo di un ampia gamma di colori estivi. Queste calzature per tutti i giorni sono prodotte utilizzando solamente pellami di qualità. Ci sono anche sandali bassi e tacchi con dettagli selleria e mocassini in coccodrillo con la suola colorata.

LE BORSE

La Miky Bag, uno dei modelli iconici del marchio, si presenta con una struttura raffinata e morbida, in pony e pelle, a sottolineare l’arte e la maestria degli artigiani che le producono, confermando il suo status di oggetto del desiderio. Una borsa dal nuovo design, una borsa classica e una shopping, tutte con una chiusura che ricorda un’elegante chiave, vengono prodotte in pelle blu, bianca e gialla ma anche in pitone dai toni naturali o colorati.

Tod's new shopperTod's new handbag 2Tod's Miky Bag

 READY TO WEAR

Il modello chiave della stagione è il trench in camoscio, in due versioni e nei colori blu e rosso.

Tod's trench 2Tod's trench 1

Disponibili nelle boutique Tod’s da gennaio 2013.

Un autunno-inverno No_Code

La prima capsule collection invernale di Tod’s No_Code, esplora nuovi territori.

Dopo i progetti di successo della scorsa stagione, l’allacciata, il desert boot, il modello Chelsea e la pantofola, la gamma si evolve aggiungendo uno stivaletto da pugile. Con una raffinata, eclettica e ricca tavolozza di colori, che spaziano dal bordeaux al giallo senape la collezione Tod’s No_Code, ispirata da Jefferson Hack, ha una forte impronta urbana, che unisce la funzionalità a uno stile spontaneo e rilassato. Pelli lucide e ad effetto vintage sono arricchite da dettagli animal print e da finiture colorate, che valorizzano i materiali come gli scamosciati e il cavallino.

Gli artigiani di Tod’s e il team di progettazione hanno lavoro con Jefferson Hack, unendo la tradizione senza tempo e l’unicità del brand, a diverse influenze del mondo della musica, dell’arte e del cinema. I valori di Tod’s – alta qualità, cura dei dettagli e Made in Italy – diventano alleati perfetti per uno stile moderno, raffinato e versatile.

Nata dal desiderio di sviluppare una scarpa adatta a uomini e donne, Tod’s No_Code è slegata dai codici formali e da quelli casual. Una collezione pensata per nomadi globali che lavorano e vivono senza confini.

               

La collezione Tod’s No_Code è disponibile in selezionate boutique Tod’s in tutto il mondo.
E’ possibile scoprire la nuova collezione Tod’s No_Code su

www.tods.com
oppure sul Tumblr dedicato
www.todsnocode.tumblr.com

Femminilità senza tempo

Una femminilità che va oltre codici e distanze. L’Alta Moda, secondo Dolce & Gabbana, affonda le radici nel territorio. Quello d’origine, amato e rivissuto, sotto varie forme. Luogo di luci e ombre, di sacralità e sensualità. Dove si muovono figure magiche e carnali.

La protagonista di questa favola è Monica Bellucci fotografata da Paolo Roversi per Vogue (suppl. settembre). “Posso dire che Domenico, Stefano e io, da mediterranei, troviamo la nostra fonte di ispirazione nelle donne che abbiamo amato, che ci hanno fatto sognare. Donne dalla forte personalità, come le nostre nonne, mamme, zie. Esempi di femminilità che è stata portata sullo schermo dalle grandi attrici italiane del cinema di Fellini, Rossellini, Visconti, De Sica. Dive che hanno saputo trasmettere questo modello di femminilità al mondo”

Il nero, che la tradizione vuole simbolo del lutto e quindi deputato a mantenere le distanze, diviene ora, con un abile gioco d’ironia, il colore della seduzione. Mentre il pizzo, nella sua perfezione esecutiva, richiama quell’idea di unicità che è il fondamento dell’Alta Moda. Pizzi sontuosi e ricercati, realizzati da mani sapienti, si alternano a fastosi broccati nei quali la seta più preziosa si intreccia con il filo d’oro, fra suggestioni cinematografiche e rievocazioni di antichi splendori. Capolavori unici, nati per essere interpretati da donne straordinarie.

“Abiti meravigliosi, frutto di un eccezionale lavoro artigianale. Abiti di gran lusso, ma che non creano, tuttavia, quell’effetto di distanza che capi così importanti e sofisticati talvolta possono suscitare. Anzi, ti viene voglia di indossare queste stupende creazioni anche in occasioni meno formali”. (MB)

Il mito ai piedi

Simbolo di Capri, simbolo di un mito. I sandali realizzati a mano da Costanzo.

E’ una piccola bottega, dove si sente ancora il profumo del cuoio (vero) e dove sul piano di lavoro ci sono ancora gli strumenti utilizzati da sempre. Ogni anno le collezioni si rinnovano ma lo stile rimane immutato. E’ lo stile senza tempo dell’isola di Capri e di alcuni miti come Jackie ‘O, Grace Kelly, Sophia Loren, Brigitte Bardot e Clarke Gable che in questa bottega  hanno acquistato i leggendari sandali su misura realizzati a mano da Costanzo.

Il signor Tod’s

I valori restano, il brand cresce.

La maestrìa di Tod’s nella lavorazione dei pellami più preziosi è emblema di eleganza e di scelte accurate; valori senza tempo che uniscono bellezza e modernità sottolineando l’importanza della propria tradizione e del Made in Italy. Ad incarnare tuto ciò è la nuova collezione primavera – estate 2013 per l’uomo, anche se davanti a tale eleganza risulta impossibile parlare di “uomo Tod’s”, è di rigore definirlo “il signor Tod’s”.

Il signor Tod’s accoglie i suoi ospiti nella splendida Villa Necchi Campiglio, nel cuore della bollente Milano della settimana della moda uomo.

Per la prossima Primavera – Estate, Tod’s, forte della sua tradizione artigianale del fatto a mano, ripropone per il suo signore, forme storiche del marchio, rivisitate con creatività attuale, pellami pregiati e colori vivaci.

Diverse le famiglie che compongono la nuova collezione, dal formale alla sportiva, passando per l’iconico gommino: tutte accomunate dall’altissima qualità che da sempre contraddistingue il brand.

Tod’s Riviera ad esempio, è una stringata in leggero camoscio che attualizza l’eleganza classica: una scarpa lussuosa e moderna, declinata nei colori del Mediterraneo,  in una palette cromatica che spazia dal blu al verde fino ai gialli e ai rossi più accesi. Curiosità: sono creazioni nuove, che “perdono” l’iconico gommino delle suole.

Il gommino non e’ più logo incontrastato di casa Tod’s. Infatti, nella collezione viene proposto in modo significativo, l’elemento “fascia”, presente su ogni borsa.

Bellissime quelle colorate e capienti.

Un masterpiece, il trolley in cocco. Preziosissimo, lussuoso.

Per la primavera, i polacchini in camoscio dell’inverno rivivono grazie a colori nuovi ed accesi; impalpabili e confortevoli bomber aspettando di venire abbinati al giubbino di jeans, azione must per la prossima stagione.

E’ comunque una collezione elegante, giovane e fresca, soprattutto negli accessori, come cinture “arcobaleno”, braccialetti intrecciati e alta pelletteria.

Eleganti intrecci che si ritrovano sulle stringhe di chiccosi mocassini e sulle astine della collezione di sunglasses.

Elegante, giovane e fresca è anche l’atmosfera che si respira a Villa Necchi. Dentro si osserva, si fotografa, si intervista. C’è anche Diego della Valle. Un’occhiata fuori. Intorno alla piscina, all’ombra, si parla piacevolmente. C’è happiness. E non c’è solo il signor Tod’s, c’è anche madame… che apprezza.

“Il signor Tod’s”, storyboard

E’ tutto pronto per la prima visione del film Il signor Tod’s, storia liberamente tratta dalla presentazione della Collezione primavera-estate 2013 Uomo di Tod’s, tenutasi oggi nella splendida Villa Necchi Campiglio nell’ambito della Settimana della Moda Uomo milanese. In anteprima, lo storyboard che racconta, attraverso il “sentiment” di TEMPI&MODI, l’atmosfera respirata oggi durante le riprese del “film”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A presto, per la prima.

 

L’ispirazione del giorno

La borsa di una donna, una seconda pelle fuori, una seconda vita dentro. Questa D-Bag 2005 Tod’s è un’opera d’alta artigianalità che il tempo, passando, non ha fatto altro che valorizzare. La sua pelle è sempre più piena di vita e ricca di esperienza. Al tatto, la sua texture è particolarmente morbida. Alla vista, una rugosità sapiente ed emozionante, evoca un volto lavorato dal sole e segnato dalla vita, oppure due mani artigiane che grazie al talento divino, hanno saputo dare alla luce cose eterne. 

Tuum per sempre

Un mondo “fortemente agganciato alla vocazione dell’uomo verso il bene”. Questo è il valore di Tuum, un brand emergente nella gioielleria italiana di alta qualità che in meno di quattro anni è  diventato un culto, in tutti i sensi. E’ la storia di un laboratorio artigianale che si trova a San Giustino, al confine tra Umbria e Toscana,  in un territorio fatto di storia, tradizione e audacia, dove la vocazione dell’uomo verso l’elevazione ha radici antiche e profonde.

Anelli in oro o argento con il Pater Noster e l’Ave Maria incisi in lingua latina. Gioielli non dedicati solamente a chi ha familiarità con la fede, ma soprattutto ad un pubblico giovane e attento ai nuovi trends, al valore dell’unicità artigianale, a quelle tendenze che la massa dei fashion victims non ha ancora scoperto.

“Tuum” che in latino significa tuo, preso in prestito dal testo del Pater Noster, sottolinea l’appartenenza propria di un rapporto personale e intimo tra chi sceglie un anello e chi lo indosserà. L’unicum di questa collezione, accanto al valore dell’alta artigianalità, è rappresentato dal potere di andare oltre la qualità e di colpire l’immaginario, toccando la memoria e i migliori sentimenti senza mai cadere nella trappola della volgarità.

Nel 2008, il primo modello che porta il nome “Origine d’argento“. Oggi, Michele Alberti e Simone Finoccchi ,”i signori degli anelli Tuum”, stanno per lanciare quattro nuove collezioni: anelli Tuam in cui le O dell’Ave Maria sono sostituite da brillanti; i Tuum Color, fasce in 11 colori che hanno in rilievo sempre le due preghiere in latino; le fedi nuziali alte 4.4 millimetri e lavorate con una tecnica a rilievo per la quale a prima vista il Pater Noster sembra un motivo ornamentale e i ciondoli Tecum, cerchi con una A centrale e con incisa la preghiera dell’Angelo Custode. 

Gli anelli sono d’argento brunito e bronzato, d’oro 9 e 118 carati, o di smalti, con i testi in latino riprodotti in rilievo e vengono realizzati con una tecnica che si chiama “fusione a cera persa”, un procedimento complesso che è stato affidato ad un laboratorio di Valenza.

Lusso ma anche etica, artigianalità e fashion. Tuum è una bella promessa.

da Capital

 

Italian Portraits, eleganza e lifestyle by Tod’s

Giunge graditissimo l’invito a partecipare il 25 giugno prossimo, ad un cocktail organizzato alla Pinacoteca di Brera, in occasione del lancio di Italian Portraits, il nuovo progetto editoriale di Tod’s legato all’eleganza e al lifestyle italiano. Il libro, curato da Donata Sartorio in collaborazione con Skira, verrà distribuito a partire dal prossimo settembre in tutto il mondo.

Dopo Italian Touch, realizzato con Tod’s nel 2009, verrà presentato un nuovo libro fotografico che racconta lo stile italiano attraverso i ritratti di 32 gentleman italiani, tra cui lo scultore Mario Ceroli, il gioielliere Attilio Codognato, il pittore Pietro Ruffo, l’imprenditore filantropo di Dynamo Camp, Enzo Manes, i ragazzi di No Brain Group, l’avvocato-scrittore Alfredo Tocchi, l’aristocratico Gelasio Gaetani d’Aragona, l’ex senatore Mario d’Urso, il giovane presidente “manager” di Via Montenapoleone Guglielmo Miani, il giornalista Carlo Rossella, ritratti nel loro luogo di elezione: la casa, lo studio, il giardino o la città insieme ai loro amici con lo sfondo di alcuni dei più bei paesaggi italiani. Un viaggio da Milano alla Sicilia, da Roma a Venezia per scoprire lo stile italiano, una galleria di immagini di uomini italiani di età e provenienza diversa, accomunati dalla passione per l’eleganza e la qualità.

Lo stile di vita che nasce dalla capacità naturale di unire eleganza e qualità viene raccontata con immagini e frasi: la bellezza diventa scelta e ricerca, espressione di idee e di tradizioni, di creatività e di rispetto, la bellezza diventa la lingua con cui tramandare quella cultura che rappresenta la vera eccellenza del Made in Italy.

Save the date.

Everybody loves Tod’s Signature

Colori freschi, estivi, assolutamente glamour, come il giallo, il rosso, il blu cielo e il fucsia. Sono i colori che caratterizzano la linea Tod’s Signature, la linea di pelletteria di lusso che celebra il famoso Gommino, icona del brand, realizzata in morbida vernice per la primavera-estate 2012. A chi ama e non rinuncia all’eleganza dei colori pastello, è dedicata invece la versione in pelle opaca, per la quale la palette si alterna dal bianco al rosa cipria.

 

Ed è subito successo! Tra le celebrities internazionali che hanno scelto di indossare le borse Tod’s Signature Collection ci sono Nicole Kidman, Sarah Jessica Parker, Anne Hathaway, Charlotte Casiraghi, Olivia Wilde e Jessica Bie.

Di questa fantastica collezione, T&M sceglie la pochette, portata in blu da Sarah Jessica Parker.

Le potrebbero anche interessare: Tod’s Signature Collection, un “logo non logo” e Parigi, Tod’s racconta la pelle Signature

 Si ringrazia Jarvis Macchi Tod’s Digital PR

Tod’s, il nuovo Gommino limited edition

L’iconico Gommino Tod’s per la Primavera-Estate 2012 si veste di morbide pelli naturali, arricchite da ricami in seta impreziositi da paillettes e borchie color oro e argento o perline che creano un particolare effetto pitone. Il risultato è esclusivo e funzionale allo stesso tempo, una calzatura speciale realizzata in tiratura limitata che esalta la creatività italiana e l’arte dell’artigianalità di Tod’s.

Continua a leggere

Oro nero

di Donatella Simoni. Ci sono delle sintonie tra colori che affascinano particolarmente, come l’oro accanto al nero. Sullo sfondo, porta originale della casa, utillizzata per la sua apertura “a soffietto” come separè. Sul legno quasi nero spicca il battente a testa di leone. La lampada abat jour in tessuto nero orlato con passamaneria oro e stelo in legno anticato dorato fa parte di una coppia di abat jour identiche realizzate a mano. Lussuosa candela inserita in un bicchiere di vetro color oro con damaschi in velluto nero a  rilievo. (Casa Campanelle)

I sarti dei libri

Il laboratorio Legatoria Artigiana si trova all’interno di un bel cortile cinquecentesco, tra Piazza San Domenico Maggiore e il duomo a Napoli, e tramanda una tradizione che risale a fine 800 proponendo anche creazioni dal gusto moderno. Molti dei collaboratori della legatoria sono allievi di Michele Eliseo, un autentico maestro nelle decorazioni in oro fino che eseguiva attingendo alla sua ricca collezione di punzoni in bronzo. Questa storica collezione ora è appannaggio della Legatoria Artigiana di Napoli che, naturalmente, è in grado di eseguire impeccabili legature di libri antichi e moderni, per biblioteche e privati, ma non solo.

Infatti realizza prodotti per la vita quotidiana che conservano la purezza del vero artigianato abbinata a colori nuovi, a soluzioni originali, sia per regalare un tocco di raffinatezza al décor della casa sia per la scrivania dove si studia e lavora. Ad esempio, scatole e contenitori di varie fogge, album fotografici rivisitati, molto richiesti anche da fotografi professionisti, insolite cornici-libro, agende in fresco di lana.

Continua a leggere

Colorata e preziosa, ecco la D Bag Tod’s per la primavera-estate 2012

Tod’s presenta la nuova versione della sua iconica D Bag per la Primavera-Estate 2012. Nata dall’evoluzione del design originale, la D Bag è stata realizzata con nuovi colori e materiali preziosi come pitone e coccodrillo.

Creata con le pelli più pregiate e lavorata con tecniche artigianali, la D Bag è una borsa morbida, con finiture naturali, una silhouette contemporanea e una nuova pallette di colori: verde, blue, giallo, arancio e rosa.

 

Tod’s Project “Heroes and Dreams”

La collezione Tod’s T Project nasce da una filosofia di vita e da valori alti, raccontati dal progetto “Heroes and Dreams”. Prodotti di altissima qualità celebrano la vita di eroi di ieri e di oggi, che hanno scelto di condurre una sfida quotidiana sotto il segno di virtù senza tempo.

Mohammad Alì è l’eroe che incarna il progetto “Heroes and Dreams” per la stagione primavera/estate 2012. Mito che fonde realtà e leggenda, Alì è il primo personaggio di una serie che accompagnerà il viaggio di Tod’s T-Project  tra le figure che hanno realizzato un sogno.

“I campioni – ha dichiarato Alì – si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione”. La sua capacità di rendere concreti quei desideri ha reso il pugile statunitense un’icona conosciuta in tutto il mondo, i cui valori sono sempre attuali. La collezione Tod’s T-Project racchiude la stessa volontà nel  tradurre in realtà una visione, un talento, un ideale.

L’altissima qualità che contraddistingue da sempre i prodotti Tod’s e le tecniche più innovative vengono unite in un mix che, attraverso l’utilizzo di pellami morbidissimi ed elastici, riesce a dare una nuova interpretazione dello stile urban-casual. Un’esclusività che racchiude in sé i valori di Tod’s: visione di stile, talento nella lavorazione della pelle, ideale di eccellenza. Questo incontro crea una collezione pensata tanto per la vita quotidiana quanto per il meeting informale o per il weekend in campagna.

Il modello allacciato, grazie all’aspetto grintoso, rappresenta una nuova interpretazione del tempo libero: leggero e flessibile, è proposto in suede con dettagli in pelle. Il fondo è contraddistinto da una suola in gomma leggerissima e da una forma accattivante ed atletica, che con il materiale bicolore crea un look urbano.

L’aspetto  artigianale, che da sempre contraddistingue il marchio Tod’s, viene reinterpretato in chiave moderna, così da rendere la collezione Tod’s T Project un riferimento per chi ama i prodotti di buon gusto e di altissima qualità, la praticità e i dettagli raffinati. In altre parole, per chi esige uno stile inconfondibilmente Made in Italy.

Per approfondire: www.tproject.com.

(Si ringrazia Jarvis Macchi, TOD’S Digital PR)

Quartieri su misura

Un omaggio alla propria città natale: Milano. Lo fa Miuccia Prada con la collezione di calzature uomo su misura “Passeggiando per Milano”. Ogni modello porta il nome di uno dei quartieri della città: da Brera ai Bastioni di Porta Venezia ai Navigli. Prodotti di alta artigianalità realizzati a mano; fondo in cuoio; la tomaia è cerata e ingrassata per esaltare le finiture.

Nelle boutiques della maison sono già disponibili quattro modelli maschili in differenti colori: Brera, Navigli, Bastioni e Castello.

(photo by Alessandro Calascibetta)

Miracoli dell’arte

Il miracolo dell’arte è anche questo, farsi specchio in cui riflettersi, espressione con cui interpretarsi, ispirazione per rinnovarsi. Se poi ci troviamo un pezzo di noi stessi e della nostra storia, siamo noi ad avere il potere di dare vita all’arte, di portarne a termine la sua missione, di renderla in qualche modo eterna.

Ad una mostra d’arte, una giovane donna si ferma davanti all’opera “Donne germoglio”, tronchi di legno morto sui quali sono state realizzate in ceramica raku, delle teste femminili, visi anneriti dal fuoco, capelli modellati come germogli e lo smalto, che ne esalta la nuova vita ma che al contempo, richiama lacrime e cicatrici di un passato.

Da una ferita, da una fenditura di quel legno secco, si è riaccesa la speranza che ha prodotto nuovi germogli, per ricominciare a vivere nella consapevolezza che è proprio la sofferenza che dona il coraggio di rinascere giorno dopo giorno.

Le  teste di donna sono state create da una massa informe di argilla trasformata con velocità e maestria dalle mani di un artista. In quel momento, l’opera è ancora nella mente del suo creatore che deve necessariamente fare i conti con la casualità, affidando la sua creazione alla temperatura di fuoco di 900° e abbandonandosi completamente alla speranza di vedere realizzata la sua idea. Poi il momento dell’estrazione dal fuoco, difficile, delicato, doloroso, come un parto. Le teste di donna vengono riposte in una grande vasca e ricoperte con della segatura e del fogliame secco, dove, a causa della loro incandescenza, prendono fuoco. Un istante dal significato profondo per l’opera e per l’artista, perché è in quel momento vengono lasciati su entrambi, segni indelebili. Segni che avranno il potere poi, di comunicare e rievocare forti sentimenti.

E’ ciò che è successo alla giovane donna davanti all’opera. Lo straordinario potere comunicativo dell’arte fa sì che, tra quell’opera e la sua osservatrice, nasca una profonda comunione. La sua genesi si fonde con l’esperienza di vita della donna, segnata da passaggi dolorosi e carichi di sofferenza che ne hanno plasmato i tratti dell’anima oltre che quelli del viso.

La giovane donna esce dalla sala. Nella sua mente le teste bruciate dal fuoco e quel nero, il dolore, sono illuminate dallo spettacolo cromatico degli smalti che, pur enfatizzandone i tratti, le hanno ispirato quella gioia per un’esistenza rinnovata, per una vita nuova.

Gabriella Bais interpreta l’artista, Donatella Simoni la giovane donna alla mostra d’arte.

TESTI – ds ispirata da se stessa in “Memorie di fuoco” (Servizio Attività Culturali della Provincia autonoma di Trento)

FOTOGRAFIE – Gabriella Bais

MUSICA – born to die lana del rey http://www.youtube.com/watch?v=Bag1gUxuU0g&ob=av2e

Natura a “ferro e fuoco”

Un padre realizza, a colpi di martello sull’incudine, un meraviglioso giardino dove crescono, un olivo, una vite e degli alberi con i frutti della sua terra, una terra in cui affondano le solide radici di un’identità capace di sostenere il futuro dei sui figli.

E’ proprio in questo giardino che inizia la storia di un giovane artista trentino, Ivan Zanoni, figlio di “quel” Luciano Zanoni di Caldes, un piccolo paese della Val di Sole. Quattro generazioni di fabbri, la fucina come casa, il talento nel sangue. E’ la storia di un giovane artista iniziata nel nome del padre, ma raccontata con uno spirito tutto suo.

Per qualche tempo, Ivan si è trattenuto nel giardino del padre ed ha sperimentato la sua arte, con il fuoco del suo carattere. Come un sarto, ispirato dalla natura, ha abbozzato l’idea, studiato il soggetto, ha preso la lamina di ferro come se fosse una stoffa e l’ha tagliata, realizzando le sue creazioni con cui ha fatto vivere il giardino del padre.

Animali plasmati dalla realtà e dai ricordi di un bambino: cavalli e cani, e poi uccelli di ogni specie, ma soprattutto, animali della campagna, galline, conigli, maiali ed anatre. Poi Ivan ha lasciato la campagna e si è avventurato attraverso il mare alla ricerca di luoghi lontani. Ha incontrato con la sua arte, gli animali dell’acqua, come pesci, anatre selvatiche e tartarughe, l’alligatore e lo scorpione, le aragoste e i granchi.

 

 

Creature vive, nere di ferro, ma che hanno trovato la loro luce nell’attimo in cui sono state plasmate, a colpi di maglio e di martello, dal fuoco incandescente e dallo spirito del creatore. Nei duri tratti somatici che le contraddistinguono, segni indelebili della forgiatura, c’è il sacrificio della terra ma anche la poesia di un canto dell’artista verso le sue creature. Sculture uniche, ritratti di animali viventi, estratti dal loro contesto per essere concepiti come un unicum, ma con stile realistico e tratto contemporaneo.

TESTO – ds ispirata da se stessa in “Memorie di fuoco” (Servizio attività culturali della Provincia autonoma di Trento)

FOTOGRAFIE – nell’ordine, galleriagoethe.it, gallerialabronica.com, photo.net, galleriagoethe.it, eosarte.eu, salamongallery.com

MUSICA – liberi liberi vasco rossi http://www.youtube.com/watch?v=RHvSCTKyfZI&ob=av2e

Parigi, Tod’s racconta “La pelle Signature”

Parigi, 5 marzo 2012 – Il materiale che identifica la collezione Tod’s Signature è l’essenza del lusso e della ricercatezza. la modernità delle tecniche di realizzazione, frutto di anni di ricerche, e l’esperienza artigianale di Tod’s hanno fatto nascere un pellame che esprime al meglio la cultura della qualità e del buon gusto italiano. Lo speciale effetto ispirato al gommino, impresso sulla pelle per abbinare una percezione unica ad un design prezioso, rende questo materiale un lusso, un piacere ed identifica con carattere un tratto distintivo di uno stile ben preciso e coerente con Tod’s. Tod’s racconta “la pelle Signature” nella bellissima cornice dell’ambasciata d’Italia a Parigi, per l’occasione invasa da effetti speciali.



Sono intervenuti alla serata: Andrea Casiraghi, le sorelle Courtin Clarins, Coco Brandolini, Jefferson Hack, Margherita Missoni, Eugenie Niarkos, Anna Wintour, Franca Sozzani, Stefano Tonchi e molti altri.

 

Nicole Kidman, madrina della serata, ha dichiarato: “Ho conosciuto il brand di Diego Della Valle quando avevo 17 anni e non ancora si chiamava Tod’s: già allora era simbolo di stile e qualità. E’ per questo che uso e ammiro i prodotti Tod’s da sempre: sono una mamma, e una donna che viaggia molto, scelgo borse e scarpe che possano accompagnarmi unendo qualità e funzionalità al buon gusto. Credo sia questo il segreto dell’eleganza e della femminilità: sapere quali sono i valori importanti, e scegliere prodotti che possano combinare questi valori”.

Si ringrazia Jarvis Macchi Tod’s Digital PR

Scacco al banale

La moda è omologazione? Non quella seguita da tempi&modi. E’ invece la moda che rappresenta l’arte della creatività, il frutto della fantasia ingegnosa e dell’artigianalità. Quella che ispira e favorisce la nostra creatività, la nostra fantasia, il comunicare chi siamo al mondo. E’ l’arma di cui disponiamo per coltivare la nostra personalità e per esprimere il nostro carisma. Per sfuggire la banalità ed inseguire l’originalità. In fondo, possiamo essere bianchi o neri, re o alfieri, regine o pedine, la verità è che siamo unici. E da questo dipende la nostra vittoria.

Design esclusivo, finiture artigianali, leggerezza e creatività. Loafers da giorno, sneakers in materiali pregiati come nabuk e lizard e suole in gomma studiate per mocassini più formali collezione Roberto Cavalli 2012. Da MFGentleman.

TOD’S Collezione Donna Autunno – Inverno 2012/13

Ecco una prima anticipazione di cosa abbiamo visto oggi a Villa Necchi Campiglio nel cuore della capitale della Moda: una bellissima collezione, davvero. E’ la collezione autunno-inverno 2012-13 per la donna TOD’S.

Una collezione che ha forme femminili e moderne, dettagli ricercati e linee innovative, in cui il know-how del brand esprime tutta la sua qualità.

LE SCARPE

La scarpa focus della prossima stagione è un modello la cui lavorazione richiede una competenza  impeccabile. Il plateau leggerissimo è unito ad un fondo in cuoio ben visibile, e il tacco, rivestito in pelle, dà alla scarpa un’estetica originale ed estremamente femminile. Il lusso e la preziosità sono nella complessità della costruzione, nella qualità dei materiali, nel loro speciale utilizzo. La stessa competenza artigianale viene evidenziata dalla lavorazione unica di Tod’s sulle zeppe: i tronchetti e gli stivali sono eleganti e leggeri, una nuova forma di uno stile rilassato e sofisticato.

LE BORSE

Per il prossimo Autunno Inverno la collezione di borse Tod’s presenta nuove forme, in cui l’altissima qualità è sottolineata da modelli inediti, in materiali preziosi e colori ricercati.  Il lusso della qualità diventa piacere estetico e funzionale.

Miky Bag. La Miky Bag, modello icona del Brand, sviluppa un design innovativo. La costruzione bombata, esempio dell’alta qualità del brand, diventa protagonista insieme alla “mano” selleria, resa più evidente dalle cuciture a contrasto. Il pellame è morbidissimo, e i vitelli lucidi esaltano la maestria degli artigiani Tod’s. Le misure si ampliano, e i manici e la tracolla la rendono versatile: una borsa in cui l’accuratezza, la modernità e la qualità sono raccontate da ogni dettaglio.

 A presto, con la favola TOD’S.

(Si ringrazia Jarvis Macchi TOD’S Digital PR)

Hommage, il lusso di una rasatura ad arte

Nel cuore di New York c’è un angolo di paradiso riservato a soli uomini, uno spazio extra lusso elegante e raffinato di assoluto relax anche se immerso nella caotica Manhattan. Hommage Atelier by Julien Farel è un ambiente rilassato che richiama le atmosfere di un tranquillo salotto di casa, nel quale si viene invitati a togliere scarpe e giacca ed indossare comode pantofole e vestaglie da camera, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di scotch. Ad ogni cliente viene riservato un trattamento personalizzato, dal massaggio alle mani al taglio di capelli alla rasatura Hommage, in un ambiente dove il design e la comodità si sposano perfettamente.

Hommage è il brand di spicco nell’immaginario maschile del lusso moderno e nel 2004, mostrò al mercato a quali vette di eccellenza mirava: presentò un rasoio a lama da 25mila euro in acciaio di Damasco, lo stesso utilizzato nel Medioevo per le lame delle spade.

Da allora il brand parigino non ha smesso di perfezionare l’arte della rasatura proponendo strumenti sofisticati e lussuosi. Il suo marchio di fabbrica resta però il set da rasatura formato da un rasoio cromato placcato in rame e nickel (compatibile con lamette Gillette Mach3) e da un pennello cromato in pelo di tasso. Oggi è proposto in quattro variazioni. L’ultimissimo sviluppo propone soluzioni ingegneristiche, con rasoi e pennelli dall’impugnatura realizzata in fibra di carbonio tessuta a mano come fosse una fibra tessile e presentato in una raffinata scatola laccata di legno della Tanzania.

www.hommage.com

Lusso ad personam

Uno dei claims di TEMPI&MODI recita “Piuttosto che di lusso, si parli di unicità, qualità, autenticità”, ispirato dalla storica Maison francese Hermès, tempio esclusivo dell’alta artigianalità. E’ una prima intrepretazione dei tempi che stanno cambiando e con essi, anche il modo di concepire il lusso. Oggi non basta il prezzo a rendere esclusivo un abito, un gioiello, un’automobile, ma bisogna spingersi oltre e la nuova frontiera è il modello unico ed irripetibile, al riparo dalle imitazioni, per sempre. Il fattore che fa la differenza è il tempo. Ma forse è proprio l’attesa, il prezzo più alto da pagare.

ABBIGLIAMENTO. Scegliere un tessuto di altissima qualità, attenderne la stagionatura, i primi incontri con il sarto, le prove e solo alla fine, la realizzazione di un capo unico. Una storia da vivere, seguendo il gusto dal sapore tutto italiano, raccontata dai nomi del ready to wear, maestri nell’offrire il lusso, captare le tendenze e proporre al cliente esattamente quello che lui vuole. Mtm, made to measure, o Mto, made to order, è quel “su misura speciale” che integra al meglio lo stile di alta gamma tradotto in sapienza artigianale.

SEGNI DI RICONOSCIMENTO. Inziali ricamate sulle camicie, incisioni sui preziosi come orologi, anelli e penne, sulle pelli, ma anche sul tablet. Louis Vuitton ha scelto questa strada come futuro del brand, la personalizzazione è ormai un servizio su tutti i prodotti. E’ il valore dei dettagli, quello che rende un oggetto più che prezioso, unico. E’ quell’attestazione di “proprietà”, un legame anche importante, per poi riconoscersi e farsi riconoscere.

PROFUMI. Un profumo esclusivo e non solo a parole. Quello che ti identifica, realizzato su di te e per te. E’ luxury estremo. Servono quattro mesi per un profumo originale di Cartier creato in esclusiva e confezionato in un unico esemplare. Poco meno per una fragranza di Patou e Guerlain di cui nessuno potrà richiedere repliche.

CARS. Oggi ad una supercar, oltre alle prestazioni, si richiede di andare oltre la banale esibizione di status symbol per diventare un’esperienza unica, capace di differenziare il proprietario nel mondo sempre più omologato delle auto di lusso prodotte in serie. Perfino la Ferarri va dal sarto e diventa una Ferrari Taylor-Made, ovvero una rossa personalizzata. Volete tappezzarla nell’amato gessato? Ecco un abitacolo in preziosa flanella Vitale Barberis Canonico scelto dal Cavallino come fornitore di eccellenza italiana. Lo sa bene Vito Brandi, il più famoso personal car shopper del momento, che è in grado di fornire una qualificata consulenza sull’acqusito, la gestione e soprattutto sulla personalizzazione di automobili di classe.

Lusso ad personam, ma da usare in maniera intelligente e consapevole ed inteso come valore e non come prezzo, come eccellenza della scelta e non come sua esibizione.

  

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – saint-andres.blogspot.com

MUSICA –  one and only adele http://www.youtube.com/watch?v=vUEkP5OBDyA

Gift list, il pensiero giusto alla persona giusta

 

Cosa LETTO POLTRONA FRAU, Famiglia BLUEMOON Designer ROBERTO LAZZERONI Colore SC 245 Anno 2009

Per chi Solo per se stessi, per chi si ama, per il proprio castello

Perché Mi piace pensare che un letto segua i capitoli di una storia d’amore e ne rappresenti gli umori oltre che i gusti e i sogni di chi lo ha acquistato. Immaginate un pezzo straordinario come questo, realizzato dalle abili mani degli artigiani di PoltronaFrau e soprattutto di questo colore che io trovo semplicemente divino. Bellissimo in uno scenario classico dominato dal marrone del parquet e dei mobili antichi, unico se calato in un contesto moderno e magari di total white.

Visto su Casamica di questo mese

Dove Arredi Mosna in c.so III Novembre 98/100 a Trento   Tel. 0461 915321   www.arredimosna.it

 

Ritorno al noir, il cambiamento che parte dalla testa

Ammesso che sia mai scomparsa, la frangia fa il suo ritorno tra le tendenze più cool per i nostri capelli di questo autunno inverno. Ma per un taglio di capelli non basta il trend, ci vuole anche la giusta predisposizione al cambiamento.

Ed io cosa voglio cambiare? Non lo so, ma so che voglio essere diversa.

Il mio parrucchiere è un artigiano, anzi, un Maestro Artigiano http://www.ceii.it/it/territorio-sistema/maestro-artigiano/presentazione.html Sono tranquilla, sono in buone mani.

Sarà perché in questo ultimo periodo, sono particolarmente stimolata ad osservare e descrivere la realtà che mi circonda, ma oggi ho seguito, con più attenzione del solito, il lavoro del Maestro sulla mia testa. Mi sono accorta delle affinità che legano il suo lavoro a quello di un artista che usa la manualità per plasmare un’idea.

Con quelle forbici ci vuole maestria, e soprattutto tanta psicologia per leggere nella mente di una donna, di una donna ripeto…

Una mano ferma, esperta, formata ed informata sulle nuove tendenze. Scolpire una frangia è una questione di equilibrio, di simmetria, di spazio. Lì ci sono i miei occhi, la mia bocca e l’ovale del mio viso che ne escono assolutamente valorizzati.

L’effetto è uno stile ricercato, anzi direi sofisticato, soprattutto quando il capello viene interpretato con morbidi ricci poi definiti da spruzzi di lacca e arricciatura manuale a colpi di coda di pettine.

Il risultato finale è molto vintage, barocco. Da domani lo accompagnerò con il nero, il rosso, il velluto ed il pizzo appena accennati dei miei abiti.

Interpreterò una nuova Don(n)a, più noir del solito.

Salone Mery Moda Capelli – Maestro Artigiano  Via Circonvallazione, 35/C a Tione di Trento tel. 0465.321851 www.merymodacapelli.it

 

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – ds

MUSICA – within temptation what have you done http://www.youtube.com/watch?v=gEgXDhiayz4

 

Gift list, il pensiero giusto alla persona giusta

Cosa COLLANA ODISSEA ORO GIALLO E BIANCO

Per chi Per chi sa distinguere l’essenza dal futile, indossando pensieri viventi e forgiati a mano

Perché Per fare e farsi un regalo unico e prezioso nel tempo

Vista Nei musei di arti decorative di Berlino e Torino e su Yoox , il più grande portale e-commerce delle grandi firme

 Dove Orietta Bomè Jewellery design via Roma 2/a Tione di Trento

Il Cappello Borsalino, il mito in testa

Se la vita è un palcoscenico, con un cappello è più facile essere bravi attori. Un cappello, un mito, un nome: Borsalino.

I Borsalino non sono solo cappelli ma rappresentano un mito di una storia che ormai è di oltre cent’anni. Convincono con la loro qualità, con il loro stile e soprattutto con il loro marchio. Ciò che li rende unici è anche il tempo di costruzione: 9 mesi, più di un’auto sportiva in serie speciale.

Il cinema lo conferma: scelta da Jacques Deray per rappresentare il gusto degli anni Trenta, il nome dell’azienda diviene il titolo di due celebri film cult con Jean Paul Belmondo e Alain Delon Borsalino (1970) e Borsalino & co (1974).

La storia del classico cappello maschile in feltro, rivive in tutte le evoluzioni e deviazioni di cui il copricapo è stato ed è protagonista, nella vita di grandi star come in quella di ogni persona che non intende rinunciare ad un accessorio di classe.

E così, torna prepotentemente sulle passerelle e sulle strade dell’autunno inverno prossimi, il cappello, sia per uomo che per signora. Abbiamo lasciato alle spalle la calda estate riparati da un Panama, un cappello lussuoso, in paglia intrecciata, lavorato completamente a mano, leggero come una piuma e traspirante più del lino.

Per l’autunno, i cappelli delle signore si arricchiscono di piume colorate, un’immagine che evoca la stagione dei colori vissuta nel fascino della natura, nei casino di caccia, nella campagna inglese.

Oggi è più che mai è un accessorio cult. E sono soprattutto gli occhi ad esserne valorizzati, particolarmente esaltati dal fascino dell’effetto “vedo non vedo” di un copricapo che definisce la parte superiore del viso.

La scelta è un momento importante e va guidata da una consulenza all’altezza. Altezza, che contrariamente a quello che si pensa, non è un problema per chi vuole indossare un cappello. L’importante è l’equilibrio della forma e dello spazio. E dell’insieme. Bellissimo accompagnato al rigore di un cappotto nero o cammello.

Un fascino discreto, è in testa che dobbiamo avere la vera eleganza.

www.borsalino.com

In Trentino puoi trovare  Borsalino da Bonfioli in via Oss Mazzurana, 29 a Trento tel. 0461.981416

 

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – originalitaly.it

MUSICA – miss independent ne yo http://www.youtube.com/watch?v=k6M5C-oKw9k&ob=av2n

Poltrona Frau, la bellezza di certe rotondità al posto giusto

Poltrona Frau, storica azienda di Tolentino è un marchio internazionale di design sinonimo di eleganza Made in Italy nel settore dell’arredamento di alta gamma.

Il prossimo anno l’azienda compirà cento anni e in vista di questo traguardo ha ampliato il sito produttivo, si è rifatta il look mettendosi in testa un cappello di 18 mila pannelli fotovoltaici che ha reso lo stabilimento autonomo dal punto di vista energetico. Poltrona Frau guarda al futuro ma senza cambiare la filosofia delle radici, ovvero realizzare prodotti a regola d’arte.

Il motto è artigianalità e manualità. Le fasi di lavorazione sono realizzate in maniera maniacale da mani abili ed esperte. Dalla cucitura che segue perfettamente il profilo di uno schienale, alla creazione della rotondità, un effetto morbidezza che arriva prima alla vista che al tatto e che nessun macchinario può realizzare.

Dalla ricopertura, ovvero vestire le sedute in modo che l’abito calzi a pennello alla conoscenza dei materiali e del saper sentire la pelle, materiale di elezione di questo marchio.

Il risultato lo puoi ammirare nelle rotondità della poltrona Vanity, del divano Chester, nella chaise longue Vesta e nelle “semplici” sedie da abbinare sia ad un tavolo in vetro acciaio e legno, che ad un autentico Fratino del ‘500.

 www.poltronafrau.it

 

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – ds @Casa Campanelle

MUSICA – because of you skunk anansie http://www.youtube.com/watch?v=PuNxpykpRo0

Etica ed estetica dell’abbigliamento

Continua la nostra sperimentazione alla ricerca di un nuovo concetto di lusso.

Sembra che ci sia un fil rouge che lega il lusso contemporaneo e del futuro, al passato, alla tradizione, all’artigianalità: l’austerità con cui si viveva un tempo. Oggi declineremo questo concetto in un tema a noi molto caro, ovvero l’abbigliamento.

Austerità significa risparmio o meglio, evitare il superfluo? Bene, allora partiamo dai saldi.

Paradossalmente il momento dei saldi corrisponde all’esaltazione dello spreco, perché significa acquistare sebbene il nostro armadio sia letteralmente stracolmo. Pensate ad esempio ai saldi estivi: nell’armadio possiamo trovarci gli abiti delle pre-collezioni acquistati a Campiglio nel Natale dell’anno prima, le irresistibili anticipazioni dei negozi quando il freddo è ancora pungente e tutti i nostri acquisti dei mesi marzo – luglio. In questo momento, comperare, anche se in maniera scontata, equivale al superfluo.

Io proporrei “comprare poco, ma comprare bene”.

E qui – non aspettavo altro – provo a lanciare una provocazione, soprattutto ai signori lettori. Perché non farsi realizzare qualche abito su misura?

Per vivere innanzitutto il momento più significativo, che rimane l’acquisto del tessuto, una scelta affascinante. Poi la consegna al sarto per farlo stagionare; infatti, prima di essere lavorato, il tessuto dovrà acquistare morbidezza, movimento, vita, grazie anche al contatto con le altre stoffe. Sarebbe bello che fossero proprio i giovani a tornare al comprendere cosa significa farsi fare un abito su misura, la qualità del tessuto, il lavoro che ci sta dietro, l’unicità del risultato.

Se trascorri qualche minuto con un tessuto di qualità tra le mani e un sarto appassionato come guida, ti accorgerai di quanto si è perso nella nostra modernità di quel gusto e di quell’arte, di quanto siamo più poveri, di quanto abbiamo smarrito in etica ed estetica dell’abbigliamento.

Il sarto con il gesso e le forbici rimane un abile artista ed il suo lavoro, un’opera d’arte. Il risultato non sarà solo un prodotto unico e lussuoso, ma soprattutto risponderà al nostro principio ispiratore di austerità con classe.

Per quanto riguarda le signore, mi permetto di consigliare se non abiti realizzati su misura, quelli dal taglio sartoriale, meglio pochi ma belli e non significa che debbano essere necessariamente firmati.

Lo so, non c’è più tempo per il lavoro a maglia, ma immancabilmente ad ogni stagione, gli stilisti ripropongono le maglie in lana grossa, effetto lavorato a mano. Già, “effetto”. Sarebbe estremamente fashion averne di fatte a mano davvero!

Lord Chesterfield diceva “Lo stile è l’abito dei pensieri, e un pensiero ben vestito come un uomo ben vestito, si presenta molto meglio”

Provocazioni.

 

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – ds

MUSICA – dressed for success roxette

http://www.youtube.com/watch?v=kkxj5xVLyj0

La classe non è acqua, è Acqua di Parma

E’ il 1916, quando a Parma, città colta e aristocratica, abili maestri profumieri con una straordinaria e moderna sensibilità non solo olfattiva, danno vita ad una fragranza insolitamente fresca, pulita e lieve rispetto ai profumi forti e intensi dell’epoca. Ed è subito successo.

Qualità, creatività, eleganza ed esclusività sono i primi ingredienti di questa essenza di classe. La scelta dei materiali più nobili, lavorazioni artigianali tra le più accurate, la capacità di immaginare e dare forma ad uno stile autentico e senza tempo al di là di ogni tendenza, sono le caratteristiche che hanno ispirato nei decenni, la linea di prodotti di Acqua di Parma.

La Colonia infatti è solo l’emblema di una ricca serie di prodotti preziosi, fragranze femminili, collezioni per uomo, per la casa e la linea benessere. Il segreto sta nella classicità di questo brand e nel rispetto della tradizione. Nella sua Collezione Barbiere, ad esempio, Acqua di Parma presenta un nuovo modo di interpretare la rasatura e la storia tutta italiana che l’accompagna da anni. Radersi diventa un momento di grande piacere se fatto con prodotti e accessori di alta qualità, design ed ergonomia, sia che si abbia la necessità di una rasatura pratica e rapida, sia che si desideri tutto il comfort di una rasatura al pennello, realizzato in legno wengè naturale e pelo di tasso di prima qualità. Un oggetto di design per il bagno, come tutti i prodotti Acqua di Parma.

Estremamente raffinato il packing, che si distingue per la matrice estetica di grande eleganza ed essenzialità. I colori sono nobili, i grafismi del nero, le cromie del giallo (oro), la purezza del vetro. Pur avendo compiuto più di cento anni, quello che rimane è la straordinaria contemporaneità di questo brand, segno che la vera classe non è acqua.

Per un lusso discreto, tanto amato da tempi&modi.

 

www.acquadiparma.it

 

In Trentino puoi trovare Acqua di Parma presso la Profumeria Estro in via Roggia Grande,26 a Trento

 

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – ds @Casa Campanelle

MUSICA – viva ligabue http://www.youtube.com/watch?v=6TCHlYqhOm8

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: