Le Mystère des Voix Bulgares

“Nel 1986 ascoltai alla radio, per caso, di notte, un brano vocale eseguito da una solista accompagnata da un coro femminile: il disegno melodico e l’armonia erano vagamente arabeggianti, il tipo di vocalità, ovvero il timbro e la maniera di fiorire la linea melodica, erano qualcosa che non avevo mai sentito prima. Riuscii a registrarne al volo un pezzetto su una audiocassetta, lo feci ascoltare a diverse persone. Quasi tutti ne furono molto colpiti, gli uomini più delle donne, invero, ma io non potei risalire all’identità del brano. Nell’autunno dell’anno successivo, nel negozio Ricordi di via Montenapoleone, che ora non c’è più, trovai una serie di lp americani in offerta speciale. Fra questi, c’era un disco intitolato “Music of Bulgaria”, della Nonesuch, che mi incuriosì.

Continua a leggere