Ballerina d’acciaio

foto (32) foto (33) foto (34)

Da bambina chiamavo la moka della nonna “la ballerina d’argento”.

Feat. Moka Bialetti, in fotografia la ballerina Eleonora Abbagnato.

L’attimo raccolto (in giardino)

foto (32)

Unconventional Flowers. Giardino di Casa Campanelle, ore 11

*prova a vedere con occhi diversi

L’ispirazione del giorno

foto (76)

0 grassi, 100% design

*coppe e vassoio inox Alessi, mattoncini in legno Sevi

L’ispirazione del giorno

Sedute scomposte. Di stare composte a tavola o ordinate ai loro posti, queste sedute non ne vogliono proprio sapere. Eccole, mentre gioiose, esperimentano l’eccitazione di scoprire luoghi diversi, trovandosi inaspettatamente a tu-per-tu con compagni di gioco un po’ diffidenti. Pensavate perdessero la loro identità? Niente affatto! Così “sbagliate” ma tanto Belle, stupiscono per la loro personalità, dimostrando anche ai più scettici, che le regole sono fatte giusto giusto per essere trasgredite.

sedute fuori posto (4)

L’attimo raccolto (in the green room)

freen room

My Freen Room. Libera la mente di concepire lo spazio liberamente.

Giardino di Casa Campanelle, ore 16

Timeless Kitchen (part 5)

tessuti (4)

Come il sale. La fantasia è l’unico ingrediente che non può mancare in cucina, così come nel mondo. E’ un talento, un pizzico di “genio”, che tutti abbiamo dentro di noi e che dovremo essere solamente abili nel saperlo dosare. Come un colore. Per dare sapore e gioia ai nostri giorni e alle nostre opere. Perché il grigio è un colore insipido, credetemi, scatena un temporale, non la fantasia. Tessuti Le Jacquard Français.

L’attimo raccolto

foto

Be Unconventional: Monday Dress. Casa Campanelle, ore 10

L’attimo raccolto

hh

 Casa Campanelle (Preore – TN), ore 13

Roarrr, fantasie ruggenti. L’orchidea che si trova sul tavolino a Biscotto della stanza guardaroba, urtata in malo modo, ha perduto uno dei suoi fiori che è andato così a posarsi su un capo di biancheria dimenticato la mattina. Il gioco è fatto: una simbiosi “ruggente” tra la fantasia della corolla e l’iconico maculato. E la mia, di fantasia, ha colto l’attimo.

L’ispirazione del giorno

cMacinare (belle) idee. Einstein diceva “E’ meglio avere 3000 idee tra le quali ce ne sono 100 originali che averne 3 idiote da trasformare in originali”. Quando si crea non deve esserci censura, bisogna dare aria e libertà a tutte le idee, anche quelle che apparentemente sembrano idiote. E qualcuno ha pure detto che senza idee il denaro non vale nulla, come dire, l’idea costa cara. Potere alle idee!

Con te partirò

Nella stanza da letto dei bambini, la parola d’ordine è libertà. Libertà di movimento, soprattutto della fantasia che deve essere libera di poter viaggiare senza confini. Non importa il mezzo, ma importa il fine: crescere insieme a loro, stimolando la creatività ed insegnando a sognare e a credere nei sogni. Solo così si può andare lontano.

Open office

Arrivata la bella stagione, anche l’ufficio si trasforma e si presenta in versione outdoor. Per la gioia di tutti, compresi l’umore e gli affari.

La scrivania.

Tavolo in ferro battuto Unopiù sistemato su un terrazzo all’ombra predisposto con tutto ciò che serve per il lavoro, compresi i portaritratti di famiglia.

La sala d’attesa.

Panca in teak stile inglese Unopiù con riviste e come portacenere, un vaso in pietra decorato.

L’appendiabiti da ingresso.

Il distributore di acqua automatico.

Il frigo bar.

Secchiello porta ghiaccio in inox con piedistallo Alessi.

La hall e gli uscieri.

Il campanello.

La biblioteca. Seduta per ammirare tutto il “sapere” della natura circostante.

Panca da albero in teak Il Giardino di Legno.

Lampada design.

Il lettino terapeutico per le pause di relax o di riflessione, tra una telefonata e una mail, tra un appuntamento e l’altro.

Lettino in teak con cuscino Unopiù e telo mare bordeaux Somma.

La tappezzeria a fiori e la moquette.

I fiori freschi di un ammiratore.

Tutto questo e molto altro ancora, come il sound in sottofondo, 100% naturale. E il lavoro ci guadagna.

Il valore dei libri e la loro “fisicità”

la fisicità dei libri

E’ trascorso molto tempo, sono cambiate molte cose, da quando i miei nonni e la mia mamma raccoglievano con cura i libri, alcuni dopo averli letti, altri solo per il gusto di averli, sugli scaffali di questa grande stanza luminosa del secondo piano.

Ci sono due finestre, entrambe con un panorama mozzafiato. Qui anche i miei libri convivono con quelli raccolti in passato e sembrano stare abbastanza bene. Anch’io qualche hanno fa, emulando chi è venuto prima di me, mossa dal medesimo spirito, ho comperato parecchi testi, un po’ per bisogno di sapere, un po’ per il piacere di averli.

Oggi sembra che questa raccolta sia destinata ad esaurirsi, forse non a breve ma è inevitabile per me domandarmi se Gianmarco sarà mosso dal medesimo spirito o se preferirà scaricare app sul suo iPad.

Ma ho una strana sensazione, una parte di me è quasi sicura che mio figlio  troverà ancora un perché per salire al secondo piano di questa casa e per entrare in questo luogo.

Solo per la sensazione fisica (un impatto “scenico” straordinario) di vedere queste quattro enormi pareti ricoperte da una doppia se non tripla fila di tomi, di colori diversi, formati diversi, pesi diversi, carta diversa, mondi diversi. Solo per la tentazione di aprire il recinto della mente e lasciar andare il pensiero, fantasticando, come quando si è su di un autobus affollato e si lascia cullare il pensiero al ritmo del mezzo, immaginando che ogni persona che ti sta accanto ha una storia sua, fatta di avventure e di segreti, un romanzo inedito.

Quanto ho sognato in questa stanza, da bambina. Con le protagoniste della collezione di biografie femminili o con i personaggi dei romanzi di Agatha Christie. Quanto mi portavo dentro nelle mie giornate, dei paesaggi russi dopo una lettura di Dostoevskij, piuttosto che della Parigi di Flaubert. La filosofia della mia famiglia è sempre stata quella di preferire l’acquisto di un libro alla lettura in biblioteca, per il semplice motivo che in esso si racchiude qualcosa di unico e di prezioso che va ripreso, rincontrato e rivissuto, una o più volte, nella vita. Fisicamente.

Così, se avere “fisicamente” dei libri, può aiutare a sviluppare la fantasia e la creatività dei bambini e dei ragazzi, che potranno poi  investire nella vita e nel lavoro, ecco allora che acquistare e comperare libri avrà ancora un perché, un perché ricco di futuro.

Io lo spero tanto.

TESTO – ds

FOTOGRAFIA – ds @Casa Campanelle

MUSICA – dreams the cranberries http://www.youtube.com/watch?v=Yam5uK6e-bQ&ob=av2n

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: