Non conta come tu conduci il gioco

… ma come il gioco conduce te.

Non so da chi tra i tre, arrivi più emozione. Robert Redford, Brad Pitt o la 912. Il primo è carisma, il secondo è bellezza, la terza sono le due cose coniugate in una. 

Comunque sia, questi sono gli ingedienti di “Spy Game”, un film del 2001 di Tony Scott, che unisce azione, intrigo, amore e valori dell’amicizia. La vicenda è ambientata nell’affascinante  mondo dello spionaggio, dove tutti usano tutti e tutto, dove le regole non vanno rispettate, dove non c’è spazio per una famiglia o per l’amore, dove è d’obbligo essere spietati e senza scrupoli e dove la sincerità è un’utopia. Nonostante tutto questo, per i protagonisti del film, lo spionaggio è solamente un gioco, sia pur “tremendamente serio e pericoloso dove nessuno vuole perdere” e dal quale gli spettatori, non possono fare altro che rimanere incantati.

E’ l’ultimo giorno di lavoro prima della meritata pensione di Nathan Muir (R.Redford) agente della CIA. Durante una riunione convocata appositamente a Langley, sede della CIA, Muir racconta i fatti che lo hanno visto reclutatore e maestro di Tom Bishop (Brad Pitt), suo allievo prediletto, ottimo agente e compagno affidabile di numerose azioni in tutto il mondo, dal Vietnam alla Germania dell’Est, al Medioriente. Lo scopo della riunione è riuscire a capire chi Tom voleva far evadere dalla prigione di Stato cinese con uno stratagemma. Tom è arrestato. La CIA, completamente estranea all’azione, non vuole creare un incidente diplomatico con il Governo cinese che si appresta ad intavolare negoziati commerciali con gli Stati Uniti.
Man mano che Muir racconta le singole operazioni di spionaggio in cui lui e Tom erano entrambi ben affiatati, uniti e solidali, si rende conto che solo lui potrà riuscire a salvarlo, in quanto la CIA non è disposta a difendere e a trattare la liberazione di un suo agente che svolgeva un’azione in piena autonomia e senza nessuna autorizzazione. Il film si svolge tra il presente e il passato raccontato da numerosi flash back, il tutto scandito da un’impietoso countdown che segna il poco tempo a disposizione per salvare Tom: solo 24 ore.
In nome dell’amicizia che li legava, Muir usa la propria esperienza, la determinazione, l’astuzia, l’intelligenza, i propri risparmi e il potere di certi personaggi conosciuti durante la sua lunga carriera. Elabora un piano sofisticato ed ingegnoso che salva la vita a Tom e gli restituisce ciò che anni prima, peccando di presunzione, gli aveva indebitamente tolto: la possibilità di vivere fino in fondo una storia d’amore con la donna di cui si era innamorato (Catherine Mccormack).  (Louise-Elle su Blogbuster)

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: