L’attimo raccolto (in cucina)

Io & le mie verdure, stasera. Cucina di Casa Campanelle, ore 18.30

foto (54) foto (53) foto (56) foto (59)

Annunci

L’istinto

E’ qualcosa di rosso, di forte, di sensibile, di seducente.

E’ ciò che mi fa stare ancora qui, in attesa di te.

foto (4) foto (5) foto (6) foto

Seduzione a pelle

Un abito di pelle nera che sale lungo il corpo, una décolleté di pelle che calza un’estremità, un guanto di pelle che infila una mano. E il loro profumo. Una miscela di seduzione che coinvolge i sensi, un contatto alchemico che sprigiona energia, che fa scorrere il sangue nelle vene, che infiamma il cuore. Di chi crea e di chi osserva. La pelle è un materiale estremamente seducente (ed infiammabile). Prima, o seconda che sia. Ora lo sai.

foto (15) foto (16) foto (17) foto (18) foto (19)

*guanti Sermoneta Gloves

dedicato a MM

The 4 Dreams of Miss X

foto (8)

Agent Provocateur

Kate Moss

by

Mike Figgis

the book

 

 

My Pigalle120’s story

L’inizio: 9 agosto 2013, ore 11.10

foto (6)

Un po’ più vicina alle stelle

Fan tutto da sole

Colonna sonora: Re Sole, Rondò Veneziano http://www.youtube.com/watch?v=4MsftLgpJmI

(to be continued)

Corsets

575772_10151505614457512_920119280_n

Daniellah Corset

521684_10151505614387512_585438459_n

Damson Corset

545893_10151505614342512_1012932132_n

Tamarix Corset

.

mix of corsets from Agent Provocateur

Jessica Gomes for Harper’s Bazaar Australia (April 2013) photographed by Simon Lekias

L’ispirazione del giorno

rosa (4)I(n)spirazioni rosa. Una rosa odorosa raccolta stamane in giardino, diventa fonte di i(n)spirazione per una giornata in rosa. *Abito Dolce&Gabbana vintage, smalto Shellac, umore… cinquanta sfumature di rosa fino al carmino.

L’ispirazione del giorno

fotoUn’attesa che seduce. Nero, perché così è la mia vera essenza. Trasparenza, perché è l’incognita il vero valore che seduce. Ti aspetto. Abito in tulle e pizzo Roberto Cavalli, sandali vernice Gucci.

L’attimo raccolto (della domenica)

u

La mia natura morta. Domenica mattina, ore 10.30

L’attimo raccolto

h

Linguaggi. In un giorno di sole e solitudine. Casa Campanelle, ore 11.00

Sedurre con labbra gioiello

sROUGE n. 27 GILDA. Un rossetto elegante, moderno, prezioso, racchiuso in una confezione gioiello con riflessi in oro bianco, uno scrigno che rivela un segreto: uno specchietto si apre automaticamente all’apertura. Il rossetto rubino è di Guerlain, la confezione è disegnata da Lorenz Bäumer, il giovane e talentuoso gioielliere de la Place Vendôme a Parigi. Un gioiello (rubino) sulle labbra.


La Dama e il Guanto

Antologia “da brivido” sul rapporto tra la Dama e il (suo) Guanto.

“Gli spazi del sonno nella notte……ci sei tu. Tu che sei alla base dei miei sogni. Tu che scuoti il mio spirito pieno di metamorfosi. Tu che mi lasci il tuo guanto quando bacio la tua mano.” Robert Desnos, 1926. (La Mano, il Guanto, Cristiana Cella. 1989, Idealibri).

“Fanno parte di ogni minima attrezzatura di base. Non c’è immagine di ladro che non sia guantata: gialli, neri, di maglia alla Diabolik, basta che siano sottili per non impacciare il lavoro, che richiede grande sensibilità. Proteggere l’anonimato della mano è fondamentale. Ma il ladro elegante e super attrezzato è forse uno stereotipo cinematografico.”  (I Guanti per rubare. Capitolo IX. La Mano, il Guanto).

Guanti da guida di Hermès, finitura Kelly, indossati da Charlize Theron durante il test di “Safe-Opening”.

“L’amicizia tra uomo e donna è cosa assai ambigua e scivolosa e questo aumenta il fascino del dono, che un tempo i cicisbei accompagnavano con queste parole: “Accettateli, mia signora, perché l’amicizia più vera si stringe attraverso un guanto”. (Il lecito e l’illecito. Capitolo VIII. La Mano, il Guanto).

How to Succeed at Murder. The Avengers.  La gentil fanciulla appartiene ad un club di signore dedite all’eliminazione fisica di vittime designate. Utilizzando solo armi di seduzione: calze, affilati stiletti, guanti ed un braccialetto con charms… speciali.

Dal Cinquantotto… al Sessantatré. L’epoca d’oro. Lunghissimi, dalle sofisticate tinte pastello…

… arrivando alle bellissime e spietate Dame dei nostri giorni.

Se nella notte un’ospite “indesiderata”…

Nella vita di tutti i giorni…

J’aurais pu intituler cette vidéo : “le temps d’une lecture” ou “voyage avec Oscar Wilde”
Il s’agit simplement d’une superbe rencontre, le temps d’un voyage en RER qui prend une dimension d’éternité, telle la belle élégante nous offre une partition superbe faite de caresses, frottements et autres délicatesses…
Gros plan sur cette rencontre, un jour d’été…

 

grazie a MM per la ricerca, il dono, l’ispirazione

Oriental Suite

Straordinaria nuova collezione Fall Winter 2012/13 per La Perla ispirata al fascino e alla seduzione orientale.

Prego, entri  nell’Oriental Suite La Perla:

Oui, c’est Carine

Quanto conta la sensualità? Carine Roitfeld, l’ex direttore di Vogue Paris, esempio di uno stile tutto francese, sexy ma non completamente, elegante ma mai lezioso, sfacciato ma con un twist, spiega il segreto dell’allure. “Prima di uscire, quando ti dai un’ultima occhiata allo specchio, chiediti se c’è ancora qualcosa di superfluo che potresti togliere”. E’ un suggerimento che arriva da Karl Lagerfeld che citava a sua volta Coco Chanel.

Carine Roitfeld ha da poco presentato un libro realizzato in collaborazione con Lagerfeld dedicato alla Petite Veste Noire Chanel, “un capo davvero indispensabile per qualsiasi donna, da indossare in ogni occasione, elegante abbinata ad una gonna, décontracté chic con i jeans”. Questo è il lusso alla francese : un capo raffinato, lussuoso nelle finiture ma mai vistoso, comodo da indossare, un investimento per la vita.

Ma per quanto riguarda Carine, il suo segno distintivo sono le gambe: splendide e sempre in mostra su tacchi vertiginosi.  Un segno distintivo come ogni donna a capo dei vari Vogue in giro per il mondo: caschetto e occhiali XXL per Anna Wintour di Vogue America, lunghe chiome bionde e gioielli antichi per Franca Sozzani di Vogue Italia, taglio post punk asimmetrico alla Lisbeth Salander per Angelica Cheung di Vogue Cina. Carine però, afferma di portare anche ballerine e di essere solo vittima della sua immagine. Sensualità e potere.

E’ possibile conciliare seduzione e potere? Carine: “Dipende molto dal ruolo. Probabilmente nessuno vorrebbe una presidente della Repubblica in calze a rete e minigonna con lo spacco, l’abito influenza ancora il giudizio, l’importante sono le capacità.  Una donna deve essere seducente, ma il suo potere di seduzione non lo misuri con i centimetri di pelle scoperta, bensì con l’attegiamento e con quello che dici. E’ un modo di essere, di accavallare le gambe, di guardare l’interlocutore, di sentirsi forte. Quando ti senti forte, ti senti più potente. E potere non significa sacrificare la propria femminilità ma è questione di sfruttare il proprio potenziale”

Insomma, sembra che la seduzione sia anche una questione di cultura, di charme, di conversazione: “Quello che dice una donna è almeno importante quanto l’abito che indossa”

ds ispirata da Maria Grazia Meda (D la Repubblica) foto di Karl Lagerfeld

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: